Bon Jovi – Burning Bridges

 

Mercury Record – Agosto 2015

Ne è passata di acqua sotto i ponti, e mi ritrovo ancora a parlare dei Bon Jovi band che ho amato e che nel profondo anche se non lo voglio ammettere amo ancora.

Per amore posso sopportare (a dire il vero a fatica) che Sambora per ora non fa più parte della band.

“Burning Bridges” è sostanzialmente un album composto da scarti degli ultimi lavori e il primo senza Richie. Mi fa uno strano effetto ma purtroppo è la triste realtà.
Per essere degli scarti devo dire che ci sono delle canzoni niente male, anche se non è oro tutto quello che luccica. Gli ultimi album non sono poi stati così male ma neanche memorabili.

“We Don’t Run” scritta appositamente per “Burning Bridges” ha il classico marchio di fabbrica bonjoviano soprattutto nel ritornello con gli immancabili whoah oh, anche se alla chitarra si sente che manca Sambora, rimpiazzato da John Shanks (produtore e autore per numerosi artisti) solo in questo disco.

“Saturday Night Gave Me Sunday Morning” (l’unico brano dove compare tra gli autori Sambora) è palesemente copiata da “Gotta Be Somebody” dei Nickelback.
Possibile che non se ne siano accorti? Mah…

I Bon jovi sono capaci di farmi ancora emozionare con “Blind Love” stupenda ballata rilassata e commovente.
Lontana dall’arena rock del passato, “Fingerprints” mostra un aspetto (intimista) della musica dei Bon Jovi che personalmente apprezzo. Un atmosfera velata di malinconia, una chitarra acustica e la calda voce di Jon.

Questi sono gli episodi migliori e di qualità di “Burning Bridges” che mette fine al contratto tra la Mercury Records e i Bon Jovi dopo più di trent’anni di musica e milioni di dischi venduti. Che sia la fine di tutto o un nuovo inizio?

www.bonjovi.com

Tracklist:
1. A Teardrop To The Sea
2. We Don’t Run
3. Saturday Night Gave Me Sunday Morning
4. We All Fall Down
5. Blind Love
6. Who Would You Die For
7. Fingerprints
8. Life Is Beautiful
9. I’m Your Man
10. Burning Bridges

Band:
Jon Bon Jovi – voce, chitarra
Tico Torres – batteria
David Bryan – tastiere
John Shanks – chitarra
Hugh McDonald – basso

 

49831_ppl

 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com