Chrome Division – One Last Ride

Ultimo atto.

Dopo quindici anni di attività, un pò per sfida, un pò per divertimento, i CHROME DIVISION decidono così di calare il sipario.
Un ultimo lavoro, datato Novembre 2018, il quinto a quattro anni da Infernal Rock Eternal, dal titolo
ONE LAST RIDE ( mai titolo fu più esplicativo).
Un album, uscito per Nuclear Blast, che vede il ritorno in scena del vocalist originario dei primi tre lavori, Eddie Guz
a favore del dimissionario Shady Blue.
Registrato presso gli Studio Nyhagen Böverbru Toten, l’ album è una scarica di adrenalina, un autentico marchio
di fabbrica inciso a fuoco.

Flamenco, è così che approccia RETURN FROM THE WASTELANDS, intro cinematografica western style che dà
il via a SO FRAGILE, rock granitico fatto di riff possenti, voce roca e cori a patinarlo, mentre il buon
“Damage” Kjell Karlsen sfodera un assolo da pettinare le bambole.
WALK AWAY IN SHAME, rock ‘n’ roll dinamico e scanzonato, vede ospite alla seconda voce, la cantante pop
norvegese Miss Selia, voce che forse poco c’ entra coi Nostri ma capace di dare un tono di freschezza
al brano e renderlo assai piacevole.
BACK IN TOWN corre veloce, accelera, cambia tempo, sfoga in assoli devastanti in un pezzo d’ altri tempi.
Orgasmo.
YOU ARE DEAD TO ME è ancora tanto vintage, ma di quello prezioso fatto di ritmiche accattivanti
tanto piacevoli da incidersi nel cervello.
THE CALL conquista la scena col suo approccio, miscela di Motorhead del periodo Sacrifice e BLS
del periodo Mafia.
Rude, virile.
I’M ON FIRE TONIGHT sono tre minuti abbondanti di sesso e rock ( da sempre connubio perfetto),
chitarre veloci e braghe roventi.

“oh come feel me baby, i’m on fire tonight”

Wah Wah a la Zakk Wylde introduce STAYING UNTIL THE END, brano mix di BLS e AC/CD.
Energia.
THIS ONE IS WILD ci riporta ancora indietro agli ‘ 80, in tutto e per tutto, dai cori isterici
alle ritmiche accattivanti, in una sorta di glam assai robusto.
Ed ecco la titletrack ONE LAST RIDE, folle epitaffio di una band giunta al capolinea,
monumento per i posteri ed incarnazione del più puro rock ‘n’ roll.

“we had something going
we had something good
life ain’t always easy
we did the best we could
been a lot of good times
and some trouble along the way
playing in a rock band
that’s the price you pay”

E ora su i bicchieri, WE DRINK risuona potente mentre l’anima del dio Lemmy prende possesso
del nostro Eddie.
Quanto stile Motorhead in questo pezzo ad alta gradazione, talmente tanto da sembrarne un tributo.
TOWARDS THE UNKNOWN, segna il termine della storia dei Chrome Division e lo fà, in nemmeno due minuti,
tenendo pacati toni e musica e portandoci verso un futuro al momento ancora ignoto.

Non c’ è altro da spendere per quest’ opera, emozionante e rumorosa, finale glorioso
di una band che tante soddisfazioni ci ha dato.
Peccato che forse non potremo goderla in veste live per i troppi impegni di Shagrath coi suoi
Dimmu Borgir, ma mai mollare la speranza.
Chi lo sà.
Da avere e non solo se siete amanti di Motorhead, BLS o chissà chi,
è da avere e basta.

Grazie.

 

 

Tracklist :

Return from the Wastelands

So Fragile

Walk Away in Shame

Back in Town

You Are Dead to Me

The Call

I’m on Fire Tonight

Staying Until the End

This One Is Wild

One Last Ride

We Drink

Towards the Unknown

Band :

Eddie Guz – voce

Shagrath – chitarra, basso e backing vocals

Damage Karlsen – chitarra, basso e backing vocals

Tony White – batteria

 

http://www.chromedivision.com

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com