Dee Snider – For The Love Of Metal

 

Napalm Records – Luglio 2018

For The Love Of Metal’ non è solo un titolo ad effetto, ma soprattutto una dichiarazione “romantica” di un personaggio iconico e istrionico che si chiama Dee Snider, uno che vive e respira metal ogni santo giorno.
Questo nuovo disco da solista del biondo cantante americano era molto atteso, è innegabile che un nome così importante crea fermento, curiosità e anche tante speranze, in fondo diciamocelo pure, se continuiamo a seguire questa stupenda musica è soprattutto per i nomi storici e le grandi band del passato.
Questo album vede come regista assoluto Jamey Jasta (Hatebreed), mastermind che si è occupato della produzione e della scrittura dei brani.
Dee appare più in forma che mai, alla faccia dei suoi 63 anni, un demone posseduto da una forza irresistibile e contagiosa.

Lies Are A Business’ e ‘Tomorrow’s No Concern’ sono un autentico pugno in faccia, brani tirati e molto ritmici con la voce grintosa e come sempre incisiva di Dee Snider che completa il tutto.
For The Love Of Metal’ non è per niente un disco nostalgico, anzi, la componente più moderna del metal emerge in diversi episodi e anche nella produzione, il giusto compromesso tra nuovo e glorioso passato.
I Am The Hurricane’ ne è un esempio, una traccia che necessita alcuni ascolti prima di essere apprezzata appieno.
Più standard ma comunque piacevolissima la successiva ‘American Made’ tamarra al punto giusto e potenziale hit dal vivo.
Roll Over You’ e ‘I’m Ready’ lasciano poco spazio alla melodia puntando sull’irruenza e la grinta delle chitarra che macinano riff e ritmiche taglienti senza un attimo di tregua.

L’album si presenta molto compatto e decisamente avvincente salvo per un paio di episodi, ‘Running Mazes’ e ‘Mask’ gli unici brani a mio avviso poco interessanti, forse perché non digerisco molto le sonorità moderne e troppo sincopate tipiche di un certo filone del metal.
Con ‘Become The StormDee ritorna su coordinate più classiche e melodiche, molto buono il ritornello e la melodia generale del pezzo.

Il terzetto finale presenta nell’ordine ‘The Hardest Way’ brano nella media senza particolari picchi ma che nel complesso risulta gradevole, ‘Dead Hearts (Love Thy Enemy) un duetto tra Dee e Alissa White-Gluz (Arch Enemy) inedita e accattivante in questa nuova veste dove lascia da parte il suo growl maligno in favore di una bella voce pulita.

Chiude la title track, heavy metal diretto da headbanging, senza troppi fronzoli. ‘For The Love Of Metal’ è un disco frizzante, prodotto e suonato alla grande, un disco per nulla nostalgico come magari ci si poteva aspettare. Dee Snider si conferma un grande personaggio, un grande cantante, uno dei pochi che non ha paura di osare e rimettersi in gioco, uno dei pochi in grado di smuovere le acque stantie e putride che troppo spesso imprigionano la nostra amata musica metal.

www.deesnider.com

Tracklist:

1.Lies Are A Business
2.Tomorrow’s No Concern
3.I Am The Hurricane
4.American Made
5.Roll Over You
6.I’m Ready
7.Running Mazes
8.Mask
9.Become The Storm
10.The Hardest Way
11.Dead Hearts (Love Thy Enemy)
12.For The Love Of Metal

Band:

Dee Snider – voce

Howard Jones – voce (traccia 10)
Alissa White-Gluz – voce (traccia 11)
Mark Morton – chitarra
Charlie Bellmore – chitarra, basso
Nicky Bellmore – batteria
Joel Grind – chitarra, basso

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com