Deiquisitor – Downfall Of The Apostates

 

Dark Descent Records – Aprile 2018

I Deiquisitor sono una brutal death metal band proveniente dalla lontana e tranquilla Danimarca formatasi nel 2013.

Downfall Of The Apostates’ è il loro secondo full lenght album, un disco senza compromessi, suonato con intensa ferocia e genuina passione, influenzato da quell’atmosfera irripetibile che si respirava in ambito death nei primi anni novanta.
E’ infatti ai maestri del genere (Cannibal Corpse, Malevolent Creation, Suffocation) che i Deiquisitor si ispirano, confezionando un lavoro magari non proprio personale e originale ma comunque di piacevole ascolto e ben suonato.

Atom Synthesis’, la title track, ‘Faint Distorted Images’ ricca di break, sono un buon biglietto da visita per assaporare e conoscere meglio la band. Brani essenziali dove chi ama questo genere può trovare a mio avviso diversi elementi interessanti.
I Deiquisitor trattano nei loro testi argomenti come la scienza occulta, gli extraterrestri e le cospirazioni, mentre per quanto riguarda l’artwork, piacevolmente in bianco e nero, si tratta di un’illustrazione di MF Jorg.
Altri buoni brani sono sicuramente l’intensa ‘The Order Of Pegasus Light’, la furiosa ‘Metatron’ e ‘Planetary Devastation’.

Rimango dell’idea che in ambito musicale ormai tutto è stato scritto e inventato, per cui soprattutto da un genere come il death metal non mi aspetto nessuna novità o innovazione. I Deiquisitor ci sanno fare, magari dovranno provare a rendere la loro proposta più personale e meno derivativa, ma per il resto siamo al cospetto di una band che mi ha convinto e che suona bene questo genere.

Consigliato ai puristi e a chi ha vissuto intensamente la scena degli anni novanta.

www.facebook.com/deiquisitor

Tracklist:

1.Atom Synthesis
2.Downfall Of The Apostates
3.Faint Distorted Images
4.Tetrad Of Lunar Eclipses
5.The Order Of Pegasus Light
6.Metatron
7.The Magnificence Of…
8.Planetary Devastation
9.War On The Gods

Band:

Henrik B.C – batteria
Thomas F.J – chitarra, voce
Daniel A – basso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*