Frehley’s Comet – La prima splendente cometa di una stella del rock’n’roll

 

La prima volta che Mr Ace Frehley manifesto’ il bisogno di far uscire un suo lavoro da solista era il 1978 e in quel periodo anche gli altri componenti dei Kiss  registrarono ognuno un disco con pezzi propri, mantenendo in copertina costumi e colori che li avevano resi famosi fino a quel periodo. La situazione inizia a scricchiolare pericolosamente tra Ace e gli altri componenti, abusi di alcool e droghe decretarono l’uscita definitiva dalla band madre per dedicarsi ad una carriera solista, era la meta’ degli anni 80. Abbandonati Gene e Paul, il nostro uomo spaziale recluta tre nuovi musicisti per dar vita ad una band tutta sua i  Frehley’s Comet. I musicisti in questione rispondono al nome di Anton Fig alla batteria, vecchia conoscenza di Ace ai tempi del suo primo album solista del 1978, Tod Howarth alla chitarra, tastiere e voce, musicista di gran talento ex 707 nei primi anni 80 e John Regan al basso, che aveva fatto parte della band di Peter Frampton tra il 1980 e il 1982. Firmando per la Megaforce Records, il 27 aprile 1987 esce l’omonimo debutto. Come produttore viene assoldato niente meno che Eddie Kramer, storico produttore di Kiss, April Wine, Angel Triumph e molte altre band. L’album si dimostra in alcuni frangenti ruvido, quasi street in altri piu’ ruffiano e laccato, il tutto rende il lavoro leggermente disomogeneo. La song iniaziale Rock Soldiers  parte subito prepotente, con quel suo riff tagliente e la voce di Ace che narra la storia della sua vita, un pugno nello stomaco! Il pezzo fu lanciato  dal video che MTV trasmise durante lo storico programma Headbangers Ball. Breakout scritto insieme al compianto Eric Carr dei Kiss e Ritchie Scarlett, e’ cantata da Tod Howarth, dotato di una voce magnifica, il pezzo e’ un’altra gemma con il suo incedere potente e con un ritornello accattivante, il pezzo stranamente non venne lanciato come singolo, ne aveva tutte le potemzialita’. Into The Night scritta a due mani con il grande Russ Ballard, hard rock cristallino con il suo chorus da cantare a squarciagola, grazie al video che ruotava su MTV entro’ nella classifica di Billboard.

Il pezzo successivo Something Moved  scritto e cantato da Tod Howarth si dimostra un gran bel pezzo, hard rock di classe, con la splendida voce di Tod in evidenza e chitarre sempre ficcanti e incisive. Una batteria potente e chitarre che dettano legge, un chorus da urlare, questa e’ We Got Your Rock, cantata da Ace con la sua voce sgraziata e i suo assoli sanguigni e veraci. Riff serrato e rullante che picchia forte sono gli ingredienti che compongono Love Me Right, alla voce sempre lo Space Man, altro pezzo azzeccato e ricco di emozione. Calling On You  scritta da Tod Howarth nel 1982, viene qui riproposta riscrivendo alcune parti insieme a Jonathan Cain, il pezzo risulta quasi AOR , suoni levigati e puliti, creata per essere lanciata alla radio il pezzo esce fuori dal contesto musicale  dell’album. Dolls scritta interamente da Ace, e’ un pezzo debole e poco convincente, evitabile. Le quotazioni dell’album risalgono con Stranger In A Strange Land, pezzo con le palle in tutti i sensi, chitarre potenti e ficcanti, ritornello che ti si stampa nel cervello, assolo al fulmicotone come solo lui sa fare…insomma un grandissimo pezzo che semina distruzione, grande Ace. Chitarra acustica, elettrica, ritmi rilassati fanno da contorno a questo brano strumentale  Fractured Too che chiude il disco, degno finale per la cometa che sfreccia nel cielo. In definitiva questo Frelhey’s Comet si presenta come una sapiente miscela di ottimi pezzi, tranne che per qualche piccolo calo di tensione, il tutto improntato sullo stile dell’ex ascia dei Kiss , il disco vendette anche discretamente, circa un milione di copie in tutto il mondo, ricevendo disco d’oro e di platino. Il tour che ne scaturi’ porto’ la cometa in giro per il globo supportata da White Lion, Y&T. La Frehley’s Comet dopo l’ottimo debutto diede alla stampe altri due dischi, Second Sighting nel 1988 e nello stesso anno il disco dal vivo Live +1 per poi eclissarsi definitivamente nei meandri dello spazio.

 

Tracklist:
1. Rock Soldiers  – 2. Breakout – 3. Into The Night – 4. Something Moved – 5. We Got Your Rock – 6. Love Me Right – 7. Calling To You – 8. Dolls – 9. Stranger In A Strange Land – 10. Fractured Too

Band:
Ace Frehley – chitarra, voce
Tod Howarth – voce, chitarra, tastiere
John Regan – basso, cori
Anton Fig – batteria

 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*