Kiss – Questione di feeling? NO! Questione di Kiss!!! Unipol Arena, Bologna – 16 maggio 2017

ph.: Mauro De Nicola

 

Seconda data italiana per la band storia del rock’n’roll contemporaneo, the hottest band in the world… KISS. Più di quarant’anni di carriera alle spalle, centinaia di concerti, migliaia di note e suoni che sono ormai impressi nelle nostre menti e anime, esagerazioni ed eccessi, talento artistico e capacità imprenditoriale, talento, caparbietà e faccia tosta… tutto questo sono i Kiss, macchina da spettacolo, musica e businness…

Un concerto dei Kiss, mi son trovato a dire una volta, è sempre un grande evento e la curiosità che ruota ad una manifestazione con i quattro mascherati per eccellenza ha sempre quel sapore di festa che piace e attrae grandi e, adesso tanti, piccini… e a proposito di questi ultimi. Deliziosi, teneri e ingenui, truccati e vestiti come i nostri eroi sul palco. Frotte di bambini divertiti, o meglio i genitori più divertiti di loro che si intrattengono a giocare con gli addetti del servizio d’ordine che finalmente possono trascorrere una giornate non così stressante come spesso capita quando c’è un concerto rock… bravi genitori, bravissimi i bambini che devono sottostare a teli vessazioni genitoriali…

Il concerto è classicamente bello, forse Paul Stanley non è poi così in forma, voce altalenante e un po’ in difficoltà su note alte, ma a chi importa. I quattro sono uomini di spettacolo e parlare di spettacolo è cosa da poco… tra scoppi imporvvisi e lingue di fuoco che si sprigionano nell’aria dell’Unipol Arena, tra svolazzate qua e là di Gene Simmons, solito mostro di bravura e e sanguinosa cattiveria, e Paul Stanly che si spinge come sempre fino al centro della platea, inni alla gioia che solo il rock’n’roll può diffondere, lo spettacolo è infuocato e coinvolgente. Tutti cantano all’unisono e alla follia… tanta energia, volontà e classe da vendere.

La scaletta è la stessa di quella del giorno prima a Torino ed è chiaro pensare o dire le solite cose a proposito dei brani scelti e di quelli che avremmo voluto ascoltare… siamo tutti produttori e manager… ma ovviamente non lo siamo e non siamo tantomeno i Kiss e a noi tocca il compito di urlare a squarciagola, brano dopo brano!!! e così è stato. Bel divertimento, tante risate e tanta passione anche da parte nostra… Sempre grandi i Kiss!

Unica pecca? Dopo l’ultimo bis, ‘Detroit Rock City’, i Kiss si sono volatilizzati, scomparsi, non un sorriso, nè un saluto, un inchino, un cenno… un ciao… niente, peccato… non ho voglia di capire il perchè…

KISS !!!!

 

Setlist:
Deuce – Shout It Out Loud – Lick It Up – I Love It Loud – Firehouse – Shock Me – Flaming Youth – God of Thunder – Crazy Crazy Nights – War Machine – Say Yeah – Psycho Circus – Black Diamond – Rock and Roll All Nite – Encore: I Was Made for Lovin’ You – Detroit Rock City

 

Articoli Correlati

About Francesco Amato 441 Articoli
Cofondatore e Caporedattore di www.longliverocknroll.it - Lunga Vita al Rock'n'Roll

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*