Night Demon – Darkness Remains

 

SPV/STEAMHAMMER – Aprile 2017

Attitudine, look, tecnica, talento, questi sono i Night Demon, californiani dediti un heavy classico che piu’ classico non si puo’, dopo un primo mini lp firmarono per la tedesca SPV rilasciano un secondo ottimo disco Curse of the Damned del 2015 e arrivando a questo freschissimo Darkness Remains. Questo favoloso trio composto da Jarvis Leatherby voce -basso, Armand John Anthony – chitarra e Dusty Squires – batteria sono fautori di un classico heavy con reminescenze N.W.O.B.H.M. che spacca di brutto. L’amore per la vergine di ferro e’ ben evidente in quasi tutti i brani, ma i nostri vanno oltre la semplice band che copia ed incolla. Welcome To The Night parte come una cavalcata metallica, dove melodia e potenza si miscelano perfettamente, ottimo interprete Jarvis Leatherby alla voce, grintoso e cattivo, davvero un gran pezzo. Maiden Hell pezzo che potrebbe ricordare molto i Riot, sia nel riff che nel chorus, ottima la sezione ritmica. Stranger In The Room bano cadenzato, ben strutturato, riffing che risulta leggermente sabbattiano anche nella ritmica del basso, possente e granitico, nella parte centrale il brano prende piu’ dinamicita’, davvero notevole l’assolo di Armand John Anthony. Con  Life On The Run ritorniamo nel periodo N.W.O.B.H.M. con chiari riferimenti ai maestri Diamond Head. Dawn Rider pezzo tirato che alterna parti cadenzate a ritmiche piu’ forsennate, ottmo il chorus, brano ricco di atmosfera dove Armand John Anthony da l’ennesimo esempio di bravura con la sei corde. Black Widow e’ il brano piu’ Maideniano dell’intero lavoro, gia’ dall’intro aleggia il fantasma della band di Harris, ottima la sezione ritmica che crea un muro sonoro davvero notevole.

On Your Own porta i nostri su territori piu’ Hard Rock, pezzo molto easy che spiazza un pochino l’ascoltatore, gradevole niente piu’. Flight Of The Manticore pezzo strumentale Maiden che piu’ Maiden non si puo’, dinamico nella prima parte, cadenzato e pieno di atmosfera nella parte centrale, nel finale acquista dinamicita’ e potenza. Ed ecco la title track Darkness Remains un arpeggio di chitarra accompagna la voce ovattata di Jarvis Leatherby, questa e’ una power ballad davvero ricca di pathos, e’ il pezzo piu’ lungo dell’intero disco, oltre cinque minuti. Se avete apprezzato il lavoro precedente amerete questo Darkness Remains, heavy classico suonato con maestria, brani accattivanti assemblati ottimamente, in campo metal classico uno dei migliori lavori usciti in questo 2017. Da segnalare che il lavoro in questione e’ uscito in cd digipack, vinile verde e la versione download presenta due bonus davvero succose: We Will Rock You dei Queen e Turn Up The Night dei Black Sabbath.

Tracklist:

01 – Welcome to The Night
02 – Hallowed Ground
03 – Maiden Hell
04 – Stranger In The Room
05 – Life On The Run
06 – Dawn Rider
07 – Black Widow
08 – On Your Own
09 – Flight Of The Manticore (Instrumental)
10 – Darkness Remains

Band:

Jarvis Leatherby – voce, basso

Armand John Anthony – chitarra

Dusty Squires – batteria

https://www.nightdemon.net/

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*