Saxon – Biff, Intervista 2011

Siamo all’Estragon di Bologna per incontrare i Saxon prima del concerto del 31 maggio a Bologna. Parlo con Leonard, il tour manager della band, che mi comunica che a causa di problemi e stanchezza di Biff ho solo 10 minuti per intervistarlo. Mi va bene, chiaro, ma tutti i piani saltano e mi torvo costretto a correre e tagliare molte delle domande che avevo preparato… L’importante è esserci…

Long Live Rock’n’Roll:
Ciao Biff, piacere rivederti, come stai?…

Biff:
Bene, va bene, grazie e tu?

Long Live Rock’n’Roll:
Bene… grazie… Avete un tour molto lungo, davvero faticoso, suonate più o meno tutti i giorni…

Biff:
Sì, è davvero molto lungo e faticoso. Non è facile dare il massimo ogni giorno…

Long Live Rock’n’Roll:
State proponendo al pubblico brani del nuovo album “Call to Arms? E quali sono le reazioni riscontrate fin’ora?

Biff:
Sì, di solito ne suoniamo quattro o cinque, dipende dalla serata… Devo dire che la reazione è buona, molto buona. La gente sembra molto curiosa di ascoltare i nuovi brani, Sono contento della reazione.

Long Live Rock’n’Roll:
…in Italia il vostro nuovo album sarà pubblicato il prossimo…

Biff:
…venerdì 3 giugno…

Long Live Rock’n’Roll:
…ci sono molte attese anche stasera…

Biff:
…immagino…

LLong Live Rock’n’Roll:
Allora, mi parli un po’ di “Call to Arms”? L’ho ascoltato e ho avuto un’ottima impressione…

Biff:
Sì… mi piace molto. Penso che sia davvero un buon album. L’abbiamo creato pensando molto al materiale degli anni ottanta, rivolto molto ai fan di quel periodo. Siamo tornati a scrivere in uno stile più ‘working class’; però ha anche delle influenze moderne, rivolte ai fan più giovani. Penso che sia una buona combinazione tra il classico ed il moderno…

Long Live Rock’n’Roll:
Cosa ti piace di più di quest’album, il sound, i testi, i riff…

Biff:
Di solito tutto viene sviluppato in contemporanea. Questa volta mi sembra che tutto funzioni meglio; quando tutto il lavoro viene sviluppato insieme, la maggior parte delle volte si riesce ad ottenere un grande album. Sai, a volte succede che ci sono buoni testi ma i brani non sono belli ed a volte accade il contrario. Però penso che quest’album sia più completo. Anche il precedente (“Into the Labyrinth”, ndr.) sia stato un buon album. In “Call to Arms” tutto è funzionato nel verso giusto, dalla stesura alla produzione. Non so che succederà per il prossimo…

Long Live Rock’n’Roll:
Leggendo il titolo dell’album mi sono chiesto il perchè del nome?

Biff:
…’guns’… Armi… titolo rivolto alla prima guerra mondiale… chiamata alle armi niente di più… quando leggerai i testi lo capirai…

Long Live Rock’n’Roll:
Ho visto sul sito ufficiale dei Saxon la presentazione del brano “Back to 79”, in cui avete chiesto ai vostri fan e lettori di partecipare ai cori della canzone e moltissimi si sono presentati. Questo è un aspetto positivo di internet?

Biff:
Internet è sempre stato molto importante per i Saxon, realmente. Abbiamo un incredibile numero di fan in tutto il mondo, grazie al sito, a You Tube…

Long Live Rock’n’Roll:
…più di prima…

Biff:
…di certo più di prima… Ci conoscono in Cina, India. Possono ascoltarci e guardarci e di conseguenza essere nostri fan. La gente ha più possibilità di conoscerci e di conseguenza seguirci e sapere ciò che facciamo e che faremo. Penso che internet sia fantastico, le vendite dei dischi non sono così fantastiche, le vendite nei negozi sono diminuite e tutto ciò non è positivo, a noi i negozi di dischi piacciono… Il mondo sta cambiando…

Long Live Rock’n’Roll:
…e non ci sono rimedi?

Biff:
Il nostro rimedio è mettere in circolazione dei buoni prodotti. Package, vinili, album che hanno dei cd in più gratuiti; cose che non puoi apprezzare se ascolti solo con l’i-pod, ma se si è dei fan autentci si può anche comprendere il lavoro ed il sentimento che metttiampo nel nostro lavoro… Penso che stiamo mettendo in circolazione dei prodotti di alta qualità. I negozi apprezzano i nostri prodotti pichè non sono semplici lavori ‘avvolti’ dal cartoncino ma sono dei reali prodotti adatti alla vendita, genuini…

Long Live Rock’n’Roll:
Ma adesso, con tutti questi anni di carriera alle spalle, essere sul palco che impressioni ed emozioni crea?

Biff:
Noi siamo musicisti professionisti. Il nostro scopo è quello di suonare per i fan ed è quello che facciamo dando sempre il 100%, è quello che si aspettano i fan ed è anche quello che noi ci aspettiamo da loro… è il nostro impegno ed il nostro contratto nel fare musica… La gente compra i biglietti e noi suoniamo!

Long Live Rock’n’Roll:
Un pao di curiosità… la prima: reciterai ancora?

Biff:
Ho una parte in un film che uscirà a giugno, non è una grande parte…

Long Live Rock’n’Roll:
…un’altra esperienza nella tua vita…

Biff:
Sì… mi piace recitare…

Long Live Rock’n’Roll:
La seconda… ho letto su wikipedia che sei l’amministratore dell’Amadeus Orchestra… è vero? cos’è?

Biff:
…è su wikipidia, lo so… non è vero niente!!!! non so chi abbia avuto questa stupida idea di scrivere una cosa del genere… non immagino minimamente che cosa sia l’Amadeus Orchestra e da dove venga!!! Chiunque può scrivere una cavolata!!! Magari si può anche scrivere che ho 25 anni!!! non è vero ninte è una cazzata!!!

Long Live Rock’n’Roll:
Sai, comunque poteva sembrare anche un qualcosa di reale poichè c’è la versione orchestrale di “Call to Arms”, davvero fantastica…

Biff:
Sì, ma questo è differente… è tutta un’altra cosa… faremo un album con l’orchestra e lo filmeremo anche; non so se questo potrebbe creare una confusione con quanto detto prima… e poi oltre a “Call to Arms” c’è anche la versione con l’orchestra di “Crusader” èfantastica…

Long Live Rock’n’Roll:
La terza… scriverai ancora su di te (“Never Surrender” è l’autobiografia uscita nel 2007, ndr)?…

Biff:
No, è abbastanza per adesso… Anche in Italia tutto sommato le vendite sono andate bene. In Italia, Germania ed in Francia può essere acquistata solo nelle librerie, mentre in Inghilterra si può comprare anche on line.

Long Live Rock’n’Roll:
Per noi è il modo migliore per poter conoscere anche la persona…

Biff:
Sì, è una buona storia… ci sono tante sotrie raccontate che ai vecchi fan dei Saxon piace ritrovare in quelle pagine e i giovani fan vogliono sapere perchè non le hanno vissute…

Long Live Rock’n’Roll:
…ricordo il primo concerto che ho visto dei Saxon nel 1983, non ricordo quale tour fosse e ricordo l’emozione…

Biff:
…qui a Bologna?

Long Live Rock’n’Roll:
…no a Napoli…

Biff:
…posto fantastico…

Long Live Rock’n’Roll:
…non capisco perchè al sud non ci siano così tanti concerti…

Biff:
No, aspetta… stiamo pianificando di andare a Napoli, forse a novembre, stiamo pianificando altri concerti da settembre e quindi chi sa….

Interrotto dal tour manager, non ho il tempo di far salutare i lettori di www.longliverocknroll.it… grazie Biff!!!

 

Articoli Correlati

About Francesco Amato 541 Articoli
Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com