Aaron Lewis, l’ex frontman degli STAIND ha concluso il suo concerto solista ieri sera (sabato 9 marzo) in Oklahoma dopo che la folla ha rifiutato la sua richiesta di breve momento di silenzio.

Durante l’esibizione al The Criterion di Oklahoma City, Lewis ha chiesto al pubblico di fare silenzio in modo da poter eseguire una versione della canzone degli STAIND “Intro”.

“Ascoltate, se non fate silenzio, non si sente la chitarra”, ha detto. “Allora state zitti, ho altri tre minuti, cazzo, tre, potete per favore una volta …? Per tutta la fottutissima serata, voi ragazzi avete parlato tutta la fottuta notte, ma vaffanculo… ho finito.”

Lewis torna quindi sul palco, con la chitarra acustica in mano, e inizia a strimpellare i primi accordi della canzone mentre continuava a parlare alla folla.

“È così fottutamente ironico che questa canzone del cazzo sia un ‘grazie’, e non riesco a farvi star zitti per sentirla”.

Lewis, ancora incapace di calmare la folla, ha continuato a cantare i primi due giri di “Intro” prima di fermarsi, abbassando la chitarra e uscendo dal palco, sfogliando la tazza per la frustrazione.

Le immagini video dell’incidente possono essere viste qui  (da YouTube utente “Justin Hunter”):

 

Questa è la seconda volta in tanti mesi che Lewis interrompe uno dei suoi concerti a causa della sua incapacità di far rimanere il pubblico in silenzio. All’inizio di febbraio, Aaron ha lasciato il palco a Pharr, in Texas, quando non è riuscito a convincere la folla a smettere di chiacchierare mentre eseguiva una canzone senza microfono.

Il frontman degli STAIND ha iniziato a suonare musica country con il suo EP del 2011, “Town Line”. Il suo secondo album, “Sinner”, è arrivato nell’autunno del 2016 ed è stato seguito da un singolo, “Folded Flag”.

Lewis pubblicherà il suo terzo album country, “State I’m In”, il 12 aprile tramite Big Machine Valory Music.

 

Author

Write A Comment

X