Amorphis – The Beginning Of Times

 

Nuclear Blast – Giugno 2011

Premessa: 54 minuti per niente da buttare via, ma attenzione niente di particolarmente esaltate o innovativo, semplicemente il progetto di una band in circolazione dagli anni 90 al loro ultimo lavoro, pubblicato dalla Nuclear Blast. Non esaltatevi anche se si tratta degli Amorphis, come si sul dire ‘potevano fare di meglio’ ma d’altronde è sempre così, nella vita si può sempre fare di meglio quindi non rattristatevi leggendo questa mia personale interpretazione. La folk-progessive-death (e chi più ne ha più ne metta) metal band finlandese capeggiata dal frontman Tomi Joutsen (suo quarto album con la band) a mio parere ha prodotto un album ( 13 tracce, come il precedente “Magic & Mayem”) di tutto rispetto, buon sound carico e coinvolgente, orecchiabile perfino dai non cultori del genere, ma come anticipato prima… non un capolavoro da innalzare nella mensola della vostra (o mia) collezione musicale con i riflettori puntati addosso stile angolo sacro “don’t touch – chi tocca muore”.

“The Beginning Of Times” è sperimentale, fantasioso, progressivo, a tratti provocatorio nei testi e nella musica sopratutto; il tutto pervaso da atmosfere strutturate in base a ‘l’eroe mitologico da poema francese’ e quindi momenti fantasy ed allusivi ma carichi di growl e cattiveria e il batterista Jan Rechberger picchia duro! Interessanti i primi 4 pezzi, l’introduzione di ” Battle for Light” è buona e risente di un ritmo incalzante tipicamente metal che si alterna a stacchi folkloristici che non guastano; “Mermaid” vede l’armonia della voce femminile unirsi alla voce di Tomi e ancora in “My Enemy” ci troviamo di fronte ad uno dei pezzi, a mio parere, migliori… toni accesi, accattivanti tipicamente Amorphis. “You I Need” particolarmente magica essendo d’altronde una love song , trasportante in una quiete quasi cinematografica. Successivamente l’album scorre un pò tra momenti di noia come in “Three Words” per poi riprendersi con “Escape” che vanta buona ritmica e un essenza puramente death metal, e ancora la solenne “Crack in A Stone” non dice più di tanto , la title-track posizionata al numero 12 della scaletta sa di mistico dove perdersi per qualche minuto, infine la bonus track “Heart’s Song” malinconica e buia chiude un lavoro che anche se non fa impazzire certamente può essere un punto da cui scaturire nuove emozioni dopotutto questo è “The Beginnin Of Times”…

www.amorphis.net

Traklist:

1. Battle for Light
2. Mermaid
3. My Enemy
4. You I Need
5. Song of the Sage
6. Three Words
7. Reformation
8. Soothsayer
9. On a Stranded Shore
10. Escape
11. Crack in a Stone
12. Beginning of Time

Band:
Tomi Joutsen – voce
Esa Holopainen – chitarra
Tomi Koivusaari – chitarra
Santeri Kallio – tastiera
Niclas Etelävuori – basso
Jan Rechberger – batteria

 

 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*