“Benvenuti all’Inferno!”, di Flavio Adducci , è la versione riveduta, corretta, ampliata e finalmente cartacea de “Nel Segno del Marchio Nero”, saggio pubblicato come ebook autoprodotto il 24 marzo 2020.

Rispetto all’ebook, “Benvenuti all’Inferno!” contiene tanti nuovi contenuti, fra cui ben due capitoli, e tante foto, fra cui alcune scattate direttamente dall’autore durante i live di alcuni gruppi affrontati in questo volume. Il tema è la first wave of black metal, un movimento musicale che, iniziato nel 1981 con l’album d’esordio “Welcome to Hell” dei Venom e conclusosi nel 1991 con l’apertura del negozio di musica Helvete in quel di Oslo, Norvegia, viene analizzato in lungo e in largo, dando spazio non solo ai soliti nomi noti (Hellhammer/Celtic Frost, Slayer, Bathory, Sodom…) ma anche ad altri meno conosciuti provenienti da tutto il mondo, dal Canada al Singapore, dall’Israele alla Colombia, i quali anticiparono, chi più chi meno, la seconda ondata del black metal, che sarebbe esplosa del tutto soprattutto a partire dal 1994.

Sono molti gli autori che si sono inoltrati nei vasti territori del black metal moderno ma forse nessuno ha osato sviscerare in lungo e in largo le sue origini individuabili nei mitici anni ’80.

Benvenuti quindi nella lunga parabola della cosiddetta “first wave of black metal”, ovvero un movimento musicale che dal 1981 al 1991 – cioè dall’uscita del seminale “Welcome to Hell” dei Venom all’apertura del negozio di musica “Helvete” con il quale si sarebbe realmente scatenato l’Inferno – ha messo le radici praticamente ovunque sconvolgendo in maniera totale il modo di suonare heavy metal. Allora, ecco che si va dall’Israele al Canada, dal Singapore alla Norvegia, dai Paesi dell’America Latina fino a quelli appartenenti al blocco sovietico, dove già il solo suonare musica rock costituiva di per sé un’impresa eroica.

È stata quindi analizzata ogni scena nazionale proto-black metal descrivendone le peculiarità e i gruppi principali andando oltre ai soliti nomi (Venom, Sodom, Mercyful Fate, Hellhammer…), in una continua ricerca a effetto nei meandri di una musica che all’epoca, più che un genere, era un modo di concepire l’heavy metal, esprimendone la versione satanica e blasfema per antonomasia.

Comprensivo di interviste ai Necrodeath, agli Schizo e ai brasiliani Holocausto oltre che di brevi recensioni delle produzioni dell’epoca, il libro contiene una sezione focalizzata sulla scena del rock occulto dagli anni ’50 ai ’70. Non vi resta altro che cominciare un viaggio in un mondo ostile e senza pace dove i dannati imperversano beati e torturati fra le Fiamme Eterne… e lunga e tortuosa sarà la strada.

666% garantito!

«Satana è potenza e i Venom sono potenza, quindi scriviamo testi su Satana».

(Cronos dei Venom, 1982)

BIO

Flavio Adducci (Roma, 24 marzo 1989) si è innamorato del metal all’età di 15 anni e non l’ha più lasciato. Sempre occupato in mille attività, gestisce dal 2008 la webzine Timpani allo Spiedo, sbriciola le orecchie dei malcapitati ascoltatori con il suo progetto noisegrind xSenselessxPositivityx; e il 15 luglio 2020 ha pubblicato “Se beccamo ner pit!”, una compilation interamente dedicata alla scena hardcore punk del Lazio.

“Benvenuti all’Inferno!”, il cui nucleo era originariamente uscito come ebook autoprodotto con il titolo di “Nel Segno del Marchio Nero”, è il suo primo libro.

Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi