Black Sabbath – Il 7 agosto del 1983 esce il discusso ‘Born Again’

Primo e unico album dei Black Sabbath con Ian Gillan alla voce!

Il 7 agosto del 1983 viene pubblicato l’album dei Black Sabbath che porta il nome di ‘Born Again’. Alla voce Ian Gillan,  uscito dai Deep Purple nel 1973.

Dopo l’addio di Ronnie James Dio, i Black Sabbath vogliono continuare la loro carriera musicale. Bisogna cercare un nuovo singer. All’orizzonte l’amico di Tony Iommi, Ian Gillan che dagli inizi degli anni ’70 aveva lasciato i Deep Purple. Oltre a Tony Iommi e il già citato Iaa Gillan, il grande Geezer Butler e alla batteria c’è il rientro di Bill Ward ripresosi dai suoi problemi legati all’alcol.

L’album non è stato subito apprezzato a causa delle diverse sonorità, degli arrangiamenti e da alcune scelte compositive. Dipende dai gusti come sempre. E’ un album diverso ma con un fascino oscuro davvero forte.

Qualche problema c’è stato fra i componenti. A detta di Gillan durante le fasi di post produzione, missaggio e conclusione dei lavori, Tony Iommi alzava appositamente il volume della sua chitarra a discapito della voce dell’ex Deep Purple. Così si venne a creare del malumore fra loro e il rapporto di stima, di amicizia e di collaborazione venne ad inclinarsi.

Curiosità

A proposito di alcuni brani

Trashed
Trashed, prima traccia dell’album, è stata inserita nella  Filthy Fifteen (i 15 brani più pericolosi per le menti dei giovani americani )  da parte dell’associazione statunitense P.M.R.C (Parents Music Resource Center). Invece il testo parla di quando Gillan, in stato di ebbrezza, distrusse la macchina di Bill Ward durante una folle corsa intorno allo studio, andando a finire dentro un canale.

Digital Bitch
Potrebbe riferirsi a Sharon Osbourne, voci maligne affermano… Gillan non ha mai rivelato il soggetto del testo.

Disturbing the Priest
Il prete disturbato dovrebbe essere quello della chiesa adiacente allo studio in cui i Sabbath  stavano registrando l’album. Disturbavano le prove del coro…

A proposito della copertina

Disegnata da Steve Joule non molto lucido al momento della realizzazione. Iommi e Butler rimasero subito entusiasti bloccando il tentativo di cancellarla da parte dell’autore… 

 

Tracce
1 Trashed – 4:18
2 Stonehenge – 1:58
3 Disturbing the Priest – 5:48
4 The Dark – 0:45
5 Zero the Hero – 7:34
6 Digital Bitch – 3:40
7 Born Again – 6:35
8 Hot Line – 4:54
9 Keep It Warm – 5:34

Band
Ian Gillan – voce
Tony Iommi – chitarra, flauto
Geoff Nicholls – tastiere
Geezer Butler – basso
Bill Ward – batteria

 

Articoli Correlati

2 Commenti su Black Sabbath – Il 7 agosto del 1983 esce il discusso ‘Born Again’

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*