In una nuova intervista rilasciata a Planet Rock, Blaze Bayley, ha riflettuto sul suo ingresso nel 1994 negli IRON MAIDEN in sostituzione di Bruce Dickinson:

La mia band precedente, i WOLFSBANE, stavano ancora arrancando. Ho avuto l’offerta di fare un provino per gli IRON MAIDEN. Poi, non so perché, mi hanno offerto il lavoro. Sono così diverso da Bruce – voglio dire, proprio così diverso – nella presenza scenica, nella voce, in tutto.

Ma penso che volessero un cambiamento e mi hanno offerto il posto. Quindi ho lasciato i WOLFSBANE a quel punto e ho incominciato a fare il lavoro più bello del mondo per un cantante heavy metal.

E’ stato fantastico, un momento incredibile. Non so perché hanno scelto me, ma l’hanno fatto. E le cose che ho imparato allora, ed essendo già una fan dei MAIDEN, sono rimaste in me. E quella fiducia che avevo come autore di canzoni è incrollabile”.

Il 57enne, nato a Birmingham, ha registrato due album in studio con gli IRON MAIDEN – “The X Factor” del 1998 e “Virtual XI del 1995 – prima che Dickinson tornasse nel gruppo. Gli album dei MAIDEN in cui è apparso hanno venduto molto meno delle precedenti uscite della band.

Parlando del suo legame con gli Iron Maiden con BraveWords, ha parlato del rapporto con i fans dopo il suo arrivo:

“Ho avuto un buon supporto da molte persone che mi volevano come il nuovo cantante degli Iron Maiden – volevano che facessi bene – ma c’era un gran numero di fan che erano così delusi perché il loro cantante preferito aveva lasciato la loro band preferita, ”

“Sfortunatamente, alcune persone lo hanno fatto perché era colpa mia se Bruce (Dickinson) aveva lasciato gli Iron Maiden, e ovviamente è ridicolo, ma è stata una cosa sconfortante per loro. Per molte persone è stato come perdere il loro partner perché quando sei un fan dei Maiden vivi per questo. Fa parte della loro vita. È stato molto difficile per molte persone, quindi hanno scelto di odiarmi, e ci sono molti fan che ancora mi odiano, ma penso che a cosa è successo ai nuovi fan che sono arrivati ​​senza alcun pregiudizio. Ascoltano il repertorio  e dicono “Bruce suona davvero diverso in questo album … (ride)” e poi scoprono che sono io. È una storia che sento spesso. ”

“Questo è un aspetto. Altre persone dicono ‘Ho ascoltato X-Factor solo una volta quando l’ho preso e l’ho odiato, ma ho ascoltato tutto il resto così tanto che sono tornato indietro e l’ho ascoltato di nuovo. Era tutto ciò che era rimasto, ed era buono. Quindi, quella negatività è cambiata nel complesso. C’è ancora chi mi odia, ma ne sono felice perché significa che ho fatto qualcosa di diverso. La mia era degli Iron Maiden e lavorare con Steve Harris (basso) è il l’inizio dell’era progressista degli Iron Maiden. Ne sono molto orgoglioso “.

Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi