In una recente intervista con Ultimate Guitar, all’ex batterista degli SLAYER Dave Lombardo è stato chiesto quale spera sia la sua eredità il giorno in cui attaccherà le bacchette al chiodo. Ha risposto:

“Non rinuncerò alle bacchette, amico. Quelle stronze moriranno con me. Merda, non mi ritiro. Anche con tutti i soldi del mondo, non potresti farmi andare in pensione.

Amo quello che faccio. Amo la musica. I musicisti non vanno in pensione, passano solo a un’altra band o qualcosa del genere.

Alla domanda per cosa voglia essere ricordato ha risposto:

Per cosa voglio essere riconosciuto? Ci sono così tanti momenti. C’è stata una volta in cui mi sono esibito dal vivo di fronte a tutti questi compositori e stavo lavorando, all’epoca, con Christopher Young , questo era per “Ghost Rider“. Abbiamo fatto un’esibizione dal vivo. È su YouTube ed è davvero fantastico. È stato un momento di orgoglio. Lavorare con Tyler Bates nel 2004 su “Dawn Of The Dead” . Un altro compositore straordinario.

C’è un altro compositore con cui ho lavorato di recente, Phil Eisner . Questa è un’altra sorpresa che uscirà [nel 2021]. Questo è un altro momento di orgoglio.

I ‘Big Four‘, ovviamente. Quello fu l’apice dell’era metal – o dei miei anni metal.

Pubblicare questo album [MR.] BUNGLE. Sai, fondare un’altra band dopo gli SLAYER chiamata DEAD CROSS e chiedere a [Mike] Patton di unirsi – e lui ha accettato. È stata una cosa incredibile. Succede sempre. Amo quello che faccio”

 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi