Dave Mustaine ha raccontato di quella volta in cui il manager dei Metallica l’ha chiamato “Pussy” (Fighetta) dopo che aveva ipotizzato la cancellazione del concerto dei Megadeth allo Yankee Stadium.

Nel 2011 i Big Four, ovvero le quattro band trash metal anni ’80 più famose, Metallica, Megadeth, Slayer e Antrax hanno suonato il loro ultimo concerto allo Yankee Stadium di New York.

Nei due giorni precedenti all’evento, voci di corridoio volevano il ritiro dei Megadeth  per permettere a Mustaine di sottoporsi ad un intervento chirurgico, un problema al collo e alla spina dorsale causata, a detta di Mustaine, da anni di headbanging.

Mustaine decise comunque di partecipare al concerto nonostante il dolore.

Durante il podcast “The Jasta Show“, Mustaine ha raccontato di come un commento relativamente offensivo da parte del Co-Manager dei Metallica, Peter Mensch, gli abbia dato la spinta necessaria a suonare quel giorno.

“Quando ho suonato al concerto dei Big Four allo Yankee Stadium, portavo il collare e mi ripetevo che non dovevo fare headbanging. Sarei morto se avessi fatto headbanging quella notte, perchè due sere prima ero in ospedale per un intervento chirurgico di emergenza. 

Così chiamai il mio manager, Mark Adelman, e gli dissi “Ascolta, ho già suonato con i Metallica, gli Anthrax e gli Slayer, ho già suonato a New York, ho già suonato in uno stadio quindi nulla di tutto ciò è nuovo per me. Devo cancellare il concerto perchè ho urgentemente bisogno di un intervento chirurgico.

Adelman riferì tutto ciò al management dei Metallica, ad un tipo con un nome da cazzo, Dick o Peter o una cosa simile. Peter gli disse che ero una fighetta. Così andai.

Mi fecero un po’ di iniezioni sul collo , mi misero un collare, salii sul palco e feci il concerto.

Nessuno ha mai saputo di questa cosa tranne lui, chi è la vera fighetta adesso?

 

 

 

 

1 Comment

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi