Eddie Van Halen: un fan dei Tool non lo riconosce al concerto e gli chiede di scattargli una foto. Col palco vuoto

Wolfgang Van Halen, il figlio del mitico chitarrista, condivide un simpatico episodio

Eddie Van Halen, in cura per la recidiva al cancro alla gola, ha partecipato al concerto tenuto dai Tool lunedì 21 ottobre allo Staples Center di Los Angeles, mettendo fine alla voci che lo volessero in fin di vita.

Wolfgang Van Halen, il figlio di Eddie, ha diffuso su Twitter una foto del padre avvicinato da un fan dei Tool che chiedeva al leggendario chitarrista di scattargli una con il palco ormai vuoto a fine concerto.

E proprio questo è stato il momento migliore della serata, scrive il figlio Wolfgang, ultimo bassista dei Van Halen dopo aver sostituito non senza polemiche il bassista Michael Anthony:

“Un ragazzo ha chiesto a mio padre se poteva fotografarlo con il palco alle sue spalle, non avendo idea di chi fosse, e quello è stato il mio momento preferito dello show dei Tool ieri sera.”

Purtroppo Eddie Van Halen è ancora in cura per la recidiva del cancro alla gola, secondo le ultime notizie.

Al chitarrista era è stato diagnosticata e curato un cancro della lingua circa 20 anni fa. Successivamente gli è stata rimossa una parte della lingua ed è stato dichiarato guarito dal cancro nel 2002. 

Ora, alcune fonti affermano che il leggendario chitarrista ha seguito cure per il cancro alla gola negli ultimi anni. Ora, TMZ, sito di gossip, sostiene che Van Halen abbia ricevuto un trattamento con radiazioni in Germania negli ultimi cinque anni. Apparentemente il trattamento è stato efficace, dato che Eddie è stato in grado di mantenere la “malattia sotto controllo” in questi anni.

Nonostante fosse un forte fumatore, Van Halen avrebbe dato la colpa per la sua malattia all’abitudine di tenere in bocca un plettro metallico durante i concerti.

Anche l’ex frontman David Lee Roth, che ha confermato recentemente che i Van Halen sono finiti, aveva affermato in un’intervista radiofonica che Van Halen fosse malato.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X