I maestri del prog metal tecnico Eldritch stanno per pubblicare il loro 12° studio-album ‘EOS’ il 19 novembre su Scarlet Records.

Difficile da credere, data la squisita qualità  dell’intero catalogo, ma questa nuova e unica miscela di elementi di rock progressivo e suoni metal moderni – con accenni di AOR, thrash, musica classica ed elettronica – è il picco degli Eldritch di tutti i tempi.

Puoi sentire alcuni Genesis della prima era mescolati con un riffing aggressivo, riffing svedese; le linee vocali del frontman Terence Holler sono piuttosto originali e combinano influenze raccolte da una grande varietà  di stili.

L’intero lavoro è stato prodotto dalla mente, il principale compositore e chitarrista Eugene Simone. La band ha anche riaccolto il tastierista Oleg Smirnoff dopo 20 anni, essendo stato un membro chiave dei loro acclamati primi tre dischi negli anni ’90.

EOS è la dea dell’alba nella mitologia greca e l’album suona “classico Eldritch” e tuttavia così contemporaneo: chiamatelo una seconda giovinezza o, molto meglio, solo grande musica scritta ed eseguita da un ensemble molto abile e sicuro di sé.

La tracklist è la seguente:

1.          Dead Blossom (intro)
2.          Failure of Faith
3.          The Cry of a Nation
4.          Circles
5.          No Obscurity
6.          Sunken Dreams
7.          Fear Me
8.          I Can’t Believe It
9.          The Awful Closure
10.         EOS
11.         Runaway (Bon Jovi cover)

EOS” è stato mixato e masterizzato da Simone Mularoni al Domination Studio a San Marino. L’intrigante artwork è stato creato da Federico Mondelli (Be The Wolf, Frozen Crown, Volturian).

https://scarletrecords.it
https://www.eldritchweb.com
https://it-it.facebook.com/Eldritchband
https://www.instagram.com/eldritch.official/

 

Author

Write A Comment