Il management di Eric Clapton ha rilasciato un lungo post di spiegazione riguardo alla causa del musicista contro una vedova tedesca che aveva messo in vendita sul noto sito di aste Ebay una versione bootleg del suo album “Eric Clapton – Live USA” per 9,95 euro.

Clapton aveva fatto causa contro la donna, che si era difesa dicendo di non essere a conoscenza del fatto che il CD del marito defunto fosse un bootleg e ha rimosso l’annuncio un giorno dopo averlo pubblicato. Il giudice ha dato ragione a Clapton, stabilendo poi che il fatto che nessuno avesse acquistato il CD era irrilevante e ordinando alla donna di pagare le spese legali di 3.400 euro.

Ora il management cerca di spiegare le ragioni della causa, dicendo alla fine che non chiederà  i soldi delle spese alla povera vedova.

Nella dichiarazione del management di Clapton si legge:

Dati i resoconti di stampa diffusi e spesso fuorvianti su un recente caso di bootleg che coinvolge una donna in Germania, quanto segue fornisce chiarimenti per mettere le cose in chiaro.

“La Germania è uno dei numerosi paesi in cui sono diffuse le vendite di CD illegali non autorizzati e solitamente di scarsa qualità , il che danneggia sia l’industria che gli acquirenti di prodotti di qualità  inferiore. In un periodo di oltre 10 anni gli avvocati tedeschi nominati da Eric Clapton e un numero significativo di altri noti artisti e case discografiche ha perseguito con successo migliaia di casi di bootleg nell’ambito delle normali procedure di copyright.

“Non è intenzione prendere di mira individui che vendono CD isolati dalla propria collezione, ma piuttosto i contrabbandieri attivi che producono copie non autorizzate per la vendita. Nel caso di un individuo che vende oggetti non autorizzati da una collezione personale, se a seguito della ricezione di un ‘cessate e lettera di desistere gli articoli incriminati vengono ritirati, qualsiasi costo sarebbe minimo o potrebbe essere rinunciato.

” Gli avvocati e il team di gestione di Eric Clapton (piuttosto che Eric personalmente) identificano se un articolo offerto in vendita è illegale e una dichiarazione che conferma che è firmata, ma in seguito Eric Clapton non è coinvolto in alcun caso individuale e il 95% dei i casi sono risolti prima di andare in tribunale.

“Questo caso avrebbe potuto essere risolto rapidamente a un costo minimo, ma sfortunatamente in risposta alla prima lettera standard degli avvocati tedeschi, la risposta dell’individuo includeva la riga (traduzione): ‘sentiti libero di intentare una causa se insisti sulle richieste’ Ciò ha innescato il passo successivo nelle procedure legali standard, e la Corte ha quindi emesso l’ingiunzione iniziale.

“Se l’individuo avesse rispettato la lettera iniziale, i costi sarebbero stati minimi. Se avesse spiegato i fatti completi all’inizio con una semplice telefonata o lettera agli avvocati, si sarebbe potuto rinunciare a qualsiasi reclamo e ai costi evitati. Tuttavia, l’interessato ha nominato un difensore che ha impugnato il decreto ingiuntivo. Il Giudice ha incoraggiato la persona a ritirare il ricorso per risparmio di spese, ma lei ha proseguito. Il ricorso è fallito ed è stata condannata alle spese di giudizio e di tutte le parti.

“Tuttavia, quando i fatti completi di questo caso particolare sono venuti alla luce ed è stato chiaro che l’individuo non è il tipo di persona che Eric Clapton, o la sua casa discografica, desidera prendere di mira, Eric Clapton ha deciso di non intraprendere ulteriori azioni e non intende riscuotere le spese che gli sono state assegnate dalla Corte. Inoltre, spera che la persona non debba sostenere essa stessa ulteriori spese”.

Author

Write A Comment