Ghost – Meliora

 

Loma Vista Recordings – Agosto 2015

Di band mascherate, truccate, variopinte, misteriose e oscure ce ne sono state tante nella storia della musica rock e metal e oggi ce ne sono acora di più. Spesso ci imbattiamo in inutili imitazioni di ciò che ha affascinato e spaventato in anni di provocazioni e sperimentazioni, spesso ci trovimao di fronte a band che non offrono alcuno spunto di novità, lasciando solo in ricordo album utili allo sfruttamento del prezioso tempo altrui, band che non lasciano alcun segno in questo nostro odiato o amato mondo. Spesso il risultato è solo pacchiano e troppo incredibile (nel senso che non vale la pena credere alla loro esistenza in quanto band prive di una qualsiasi forma di lontana serietà). Per fortuna, in altri momenti, ci si trova faccia a faccia con gruppi molto interessanti, ambigui e decisamente agitatori dello spirito e delle emozioni più nascoste. Ghost ne è un degno esempio e ‘Meliora‘, il terzo album dei sei balsfemi svedesi, li consacra come band più oscura e malefica, ma di potenza creatrice, nell’inferno quotidiano che viviamo in terra.

I Ghost (conosciuti negli States come Ghost B.C. a causa di cavilli burocratici) mi hanno trascinato nel loro incubo sin dal primo momento in cui ho avuto modo di ascoltare qualche brano del precedente album, e alcune cover, nonostante le mie diffidenze di partenza, abituato ad associare maschere e tematiche a gruppi molto più crudi, caotici, urlatori e screanzati di loro. Ma, nonostante le tematiche possano sembrare esagerate – e vi assicuro che lo sono oltre l’immaginabile, mi piace il modo in cui la band affronta la vita al contrario e come la esprime in musica.

Di certo il mistero gioca a loro favore… 5 musicisti ‘Namless Ghoul‘ incappucciati e senza volto con macabre e terrorizzanti maschere, a volte da corvi e in altri momenti da demoni, e il singer, oggi Papa Emeritus III (pronunciato in inglese in un modo che qualsiasi satanista potrebbe benedirli per l’eternità a causa della mancanza di un’impostazione classica alle splalle), vestito da papa o cardinale che dir si voglia e truccato da teschio. Strabiliante… nessuno conosce la loro identità o i loro volti e tutto ciò è estremamente affascinante ed è mortalmente attraente e misterioso…

Lo accennavo prima, la novità proposta dai Ghost è la qualità della musica che è veramente ipnotica e ricca di malvagità sotto quella dolce e ammaliante venatura melodica. Il canto che confonde e attrae a sè in una danza macabra a cui tutti partecipano e tutti sono prigionieri del malvagio messaggio e delle malvage note.

Meliora‘ è un album stupendo, una miscela sacrilega che unisce un profondo rock a un metal oscuro e tenebroso, miscela fatta di passaggi e intrecci armonici che rivelano ed esalanto la presenza costante della mancanza di luce. Sarebbe forse più giusto definirlo hard rock ben studiato e documentato. Un lamento, una preghiera costante che in alcuni brani diventa evocazione vera e propria. Colpi di teatro o vita reale non è dato a me di comprendere a causa del mio futile essere mortale. Mi sia concesso elevare a top song dell’album due brani: ‘He Is‘, un incanto, un lamento, una splendida costruzione musicale e direi perfetto scorrere delle idee in musica, perfetto songwriting e lavoro alle spalle. E poi ‘Deus in Absentia‘ con l’accostamento sacro e profano (scegliete puro voi cos’è sacro e cos’è profano) tra la musicalità rock e la sacralità del coro liturgico che conclude poi il brano con una considerazione sconvolgente… Ma non posso escludere dai miei brani preferiti ‘Majesty‘, puro hard rock al di là dei confini temporali, ‘From the Pinnacle to the Pit‘ con la sua passionale spinta vagamente prog, ‘Mummy Dust‘, metal dalla testa ai piedi in stile eghties…

Meliora‘… davvero apprezzato!

Ghost… dannati ciarlatani o autentiche anime dannate? Spero di poterglielo chiedere quanto prima, li aspettiamo a novembre in Italia… Questi svedesi…

ghost-official.com

Tracklist:
1. Spirit
2. From the Pinnacle to the Pit
3. Cirice
4. Spöksonat
5. He Is
6. Mummy Dust
7. Majesty
8. Devil Church
9. Absolution
10. Deus in Absentia

Band:
Papa Emeritus III – voce
Nameless Ghoul – basso
Nameless Ghoul – batteria
Nameless Ghoul – chitarra
Nameless Ghoul – chitarra
Nameless Ghoul – tastiere

Ghost - Band 2015

Articoli Correlati

About Francesco Amato 689 Articoli
Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*