Gibson – La nota marca di chitarra impegnata nella campagna Guitars For Vets per aiutare i veterani militari afflitti da Post Traumatic Stress Disorder

Gibson, l’iconico marchio americano strumento iconico, ha collaborato con Guitars For Vets per portare la potenza della musica ai veterani militari statunitensi di ritorno dalle missioni all’estero.

Gibson ha aperto le porte del suo Custom Shop a Nashville per il debutto una donazione di 48 chitarre e 19.000 set di corde, oltre a promettere il loro continuo supporto a Guitars For Vets.

Guitars For Vets fornisce ai veterani chitarre e un forum per imparare a suonare che è in linea con la nuova missione Gibson Gives. L’artista della Gibson, Sully Erna, del gruppo rock multi-platino GODSMACK ha presentato il regalo ai veterani degli Stati Uniti Henry Thomas, Pete Nugris, Brandon Branham e Patrick Nettesheim, co-fondatore di Guitars For Vets.

Migliaia di veterani americani sono afflitti da Post Traumatic Stress Disorder (PTSD). In effetti, dalla guerra del Vietnam in poi si sono suicidati più soldati di quanti ne sono morti in battaglia. Molti stanno ora trovando speranza in un luogo improbabile: dietro il legno e le corde di una chitarra acustica. Il potere curativo della musica aiuta i soldati a fronteggiare e Guitars For Vets (501(c)3) fornisce ai veterani chitarre e un forum per imparare a suonare per alleviare lo stress. Con oltre 80.000 lezioni di chitarra e 3.000 chitarre dotate finora, Guitars for Vets ha raffinato un programma di istruzioni per chitarra volto a fornire ai veterani che lottano con lesioni fisiche, PTSD e più un programma di supporto unico.

Left to right in photo above: James “JC” Curleigh (Gibson, president and CEO), Jason Kimmons (Gibson employee), Patrick Nettesheim (Guitars For Vets, co-founder), Peter Nugris (U.S. veteran), Sully Erna (GODSMACK), Henry Thomas (U.S. veteran), Dendy Jarrett (Gibson Foundation, executive director), Brandon Branham (U.S. veteran) and Cesar Gueikian (Gibson, chief merchant officer).

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X