Secondo WISH-TV, gli avvocati del governo chiedono al giudice di non offrire al chitarrista degli ICED EARTH Jon Schaffer una cauzione quando si presenterà davanti al magistrato degli Stati Uniti.

Schaffer, presumibilmente uno dei rivoltosi che hanno usato lo spray per orsi contro la polizia durante l’insurrezione del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, rimarrà nella prigione della Contea di Marion come prigioniero federale almeno fino a venerdì.

Schaffer deve dimostrare al magistrato federale di non essere una minaccia per se stesso o per il pubblico prima di essere rilasciato su cauzione. Altri accusati di insurrezione in Campidoglio sono stati rilasciati su cauzione, ma hanno ricevuto l’ordine di consegnare le armi da fuoco, di evitare contatti con altri presunti rivoltosi del Campidoglio e di stare lontano da tutti gli edifici della capitale. Ad altri presunti rivoltosi è stato vietato l’uso dei social media e la partecipazione a manifestazioni politiche.

Schaffer si è presentato in tribunale per la prima volta lunedì (18 gennaio) dopo essersi costituito alla polizia di Hamilton County il giorno prima.

Il musicista, che risiede a Columbus, Indiana, si è arreso alle autorità intorno alle 15 di domenica (17 gennaio), ha detto Chris Bavender, specialista in affari pubblici per l’ufficio di Indianapolis Field Office dell’FBI.

Secondo l’FBI, Schaffer era tra i rivoltosi che hanno spruzzato agli agenti di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti una forma di spray al pepe capsaicina venduto da molti rivenditori all’aperto, come parte dei loro sforzi per respingere gli agenti all’interno del Campidoglio e fare irruzione nell’edificio del Campidoglio stesso.

Schaffer è stato fotografato e filamato in un video di sorveglianza mentre trasportava lo “spray per orsi” e si è cimentato in alterchi verbali con gli agenti della polizia del Campidoglio all’interno del Campidoglio. Schaffer è stato visto con quelli che l’FBI descrive come “occhiali da sole trasparenti” in una fotografia e “spray per orsi in altre fotografie”.

 

 

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi