Wendy O. Williams dei Plasmatics fu arrestata sul palco del club The Palms a Milwaukee, Wisconsin e accusata di comportamento “lascivo” per il reato di simulazione di sesso con una mazza.

Williams (28 maggio 1949 – 6 aprile 1998) è stato un cantante punk e artista nota per le performance sessualmente provocatorie, per aver fatto esplodere attrezzature di scena e automobili, e per aver brandito sul palco mazze per sfasciare televisori e motoseghe per tagliare le chitarre a metà. La polizia era apparentemente offesa dalle azioni di William nel night club che hanno coinvolto senza il suo consenso un inconsapevole e frastornato ‘martello da fabbro’.

Quando la polizia è venuta ad arrestare la Williams, hanno ritenuto necessario bloccarla a terra per poterla controllare. Dopo l’arresto ha avuto bisogno di cure mediche e ha ricevuto diversi punti di sutura sopra l’occhio come risultato della sua presunta resistenza. Il manager della band Rod Swenson fu anche arrestato per aver ostacolato un ufficiale quando tentò di proteggere la Williams durante la sua violenta cattura da parte della polizia quella notte e fu picchiato dalla polizia. Ulteriori accuse furono portate contro Swenson per aver iniziato la rissa.

Il caso andò a processo nel giugno 1981. L’arresto di Williams raccolse una significativa attenzione dei media nazionali. Il procuratore voleva uscire dall’intenso scrutinio dei media e decise di processare i casi di Williams e Swensen separatamente. Pensava che se avesse processato prima il caso Swensen i media avrebbero perso interesse. Questa strategia fallì miseramente. Il processo di Rod Swensen iniziò il 3 giugno 1981 nel tribunale della contea di Milwaukee con Rod come unico imputato. I fan dei Plasmatics vennero da più di 2.000 miglia di distanza e nell’aula del tribunale c’erano solo posti in piedi.

Author

Write A Comment

X