E’ il 22 maggio del 1958 e uno dei grandi padrini del rock’n’roll, Jerry Lee Lewis arriva in Inghilterra per una serie di concerti (30 spettacoli in 37 giorni) e i giornali dell’epoca cominciano ad indagare nella vita privata del biondo-crinito pianista di rock’n’roll…

Eh già, i giornali. Quando c’è da indagare per mettere alla berlina qualcuno sanno come intervenire impietosi. Sanno come girare e rigirare il coltello nella piaga dello scandalo. 

Ma di quale scandalo si tratta? Tutti noi sappiamo della vita vissuta da questa grande stella del firmamento del rock’n’roll. Fino a quel momento, per i britannici Jerry Lee Lewis è un grande musicista di rock’n’roll che ha scritto e sta scrivendo pagine eccitanti nella storia del nascente movimento socio-musicale-culturale di quegli anni cinquanta. Ma fino a quando rimane un fenomeno confinato al di là dell’oceano nessun problema. Chi è costui poco importa. Bella la musica, di certo per i giovani lo è. 

Ma quando varca i confini del Regno Unito ecco i primi dissidi. Prima di tutto e un artista di un genere musicale troppo ribelle, provocante, distruttivo per la moralità dell’epoca. Secondo, Jerry Lee Lewis ha già due matrimoni alle spalle a soli 23 anni e per giunta la sua attuale moglie, la terza, è sua cugina, Mryra Gale Brown!!! 

Sì la terza moglie di Jerry Lee è sua cugina che al momento dell’atterraggio in terra d’Albione ha 15 anni e che lui ha sposato all’età di 13… 

Chiaro adesso lo scandalo e l’incredulo sbigottimento della società britannica una volta appresa la notizia così torbida? 

I giornalisti di sua maestà dopo accurata indagine scoprono della vita ‘sentimentale’ della già super rockstar e creano lo scandalo anche nel Regno Unito. In America il polverone era già stato alzato, la crociata anti Jerry Lee cominciava ad assopirsi anche nella terra più bigotta del pianeta…

Ma insomma… anche questo è rock’n’roll…

 

Avatar
Author

Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi