Da tempo ormai il cinema sta dedicando un po’ della sua eneregia a imprimere su cellulloide (una volta forse) immagini e storie riguradanti la musica e si suoi protagonisti. Per forturna non ci si dimentica delle icone, dei momenti piùimportanti, delle leggende della musica di ogni tempo. Se per anni abbiamo assistito a proiezioni veritiere o meno o molto men, romanzate o screanzate sui protagonisti del mondo e dell’arte musicale, l’idea del film doc su artisti e gioelli del nostro patrimonio di tutti i tempi è decisamente speciale e spettacolare.

La storia senza infiltrazioni personali e senza inutili ricostruzioni fax-simili è davvero un momento macigo e unico, interessante e bello da essere vissuto. Concerti, storie e vite vissute sono riportate in modo decisamente fedele e sono molto piùcoinvolgenti di film ‘su’ protagonisti ma che non hanno una validità  storica che possa essere accettata…

Sono contento quando vado al cinema e lo sono ancora di piùquando mi imbatto in ‘qualcosa’ che riguarda la musica, invece dei soliti drammi metropolitani, di scalate su impressionanti vette estreme o di sparatorie senza tempo prive di criterio e sapore…

‘Janis’ di Amy Berg è la storia documentata della vita di Janis Joplin che stasera mi siedo comodamente a guardare, tra un pacco gigante di pop-corn (che scellerato consumista consumatore qualunquista che sono) e una super comoda poltrona di un gigantesco e multirumoroso multisala…

‘Janis’, la meteora ‘Janis’, vissuta così poco e in modo così intenso da essere ricordata come una voce pietra miliare della storia della musica blues e rock di sempre. Un’icona che viene raccontata dalla sua nascita a Port Arthur, Texas nel 1943, fino alla sua prematura scomparsa, nell’ottobre di 35 anni fa a Los Angels.

Complessi, delusioni, tristezze e felicità  di una ragazza vera, insicura ma caparbia che la porta ad allontanarsi dalla sua casa borghese e dalla sua famiglia di ogni giorno per intreprendere un viaggio verso una meta solo in apperenza raggiunta e sono brevemente afferrata; un sogno realizzato a metà  e mai concluso se non nei ricordi e nell’ammirzione di fan, amici e colleghi, ovvero quello di essere una rockstar, una vera e propria stella del mondo musicale!

Janis 4

Le realzioni personali e musicali, l’esplosione al Monterey Festival, la delusione di Woodstock, il trionfo in Europa, la Big Brother and the Holding Company e la Kozmic Blues band e xil suo capolavoro postumo ‘Pearl’, le dipendenze mai risolte, il rapporto epistolare con la madre, la fragilità , le umilizioni di gioventù, la vita a San Francisco la solitudine, la sua voce unica e il suo amore per la musica e per la musica dell’amore sono le tematiche sviscerate in questa pellicola carica di intensità  e di forte profumo di nostalgia triste.

Ripeto, documentario bello e intenso, triste e selvaggio, peccato con poche testimonianze ad eccezione di quelle degli amici di musica e compagni di avventura, di compangni di vita e di letto, della sorella e del fratello e di Kris Kristofferson, dei suoi manager, di certo le testimonianze splendide e ricche di pathos, ma qualcosina in piùci poteva stare… in fondo si parla di una grande icona della musica di tutti i tempi…

ciao Janis…

p.s.: il film è stato presentato fuori concorso alla 72sima edizione del festival di Venezia…

(sorvolo sulla doppiatrice italiana di Janis Joplin… non me ne vogliate, please)

Janis

Author

Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Write A Comment