Joey Tempest degli Europe se la prende con Partito Conservatore Britannico per aver usato ‘The Final Countdown’ senza aver chiesto il permesso

Mandatory Credit: Photo by Larry Marano/REX/Shutterstock (5647979j) Joey Tempest of Europe Europe Photo Shoot, Fort Lauderdale, America - 02 Feb 2016

Il cantante degli Europe Joey Tempest si è scagliato contro il Partito Conservatore britannico per aver usato la classica canzone della band “The Final Countdown” senza il suo permesso.

Il Partito Conservatore, guidato dal Primo Ministro Boris Johnson, ha suonato il brano per motivare gli attivisti presso la sede del partito.

Ma Tempest, che ha scritto la canzone nel 1986, ha chiesto al partito di “cessare e desistere” dall’usare il suo brano.

Il manager degli Europe, Adam Parsons, ha detto al quotidiano The Times:

Joey non consente alcun uso in un contesto politico. Questa canzone è stata scritta come brano hard rock nel 1986 solo allo scopo di divertire…

L’anno scorso Tempest, nato in Svezia ma attualmente residente a Londra, ha parlato a The Big Issue di “The Final Countdown”: “La canzone ha preso vita propria.

È stata usata dai partiti politici – sia Hillary Clinton che Donald Trump l’hanno usata. La canzone viene suonata quando sta per scoccare un nuovo anno, e in tutti i casi in cui è necessario un conto alla rovescia, ma la cosa ironica è che non è davvero così positiva. E’ malinconia…

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X