L’ex cantante dei JOURNEY, Steve Perry, dice di essere contrario all’utilizzo della musica della band nelle campagne politiche.

Perry è andato su Twitter venerdì sera (3 luglio) per scrivere: “Come uno dei cantautori di Don’t Stop Believin’, non ho dato il permesso ad alcun candidato politico di usare questa canzone!”

Perry non ha indicato cosa ha spinto il suo tweet, ma la sua obiezione è arrivata dopo che “Don’t Stop Believin'” è stato utilizzato durante l’evento del Monte Rushmore della Casa Bianca che celebra il Giorno dell’Indipendenza. La canzone è stata suonata attraverso il sistema di comunicazione pubblica mentre il Presidente Donald Trump stava volando verso il sito su Marine One, l’elicottero presidenziale ufficiale .

Diverse ore dopo, il chitarrista dei JOURNEY Neal Schon, che ha scritto la hit del 1981 insieme a Perry e al tastierista Jonathan Cain, ha risposto al tweet di Perry, scrivendo: “Huh …, divertente quando ho cercato di fermarlo io prima che qualcuno lo utilizzasse per scopi politici un paio di anni fa, il management mi ha detto che tu (rivolto a Perry) e il tuo avvocato Lee Phillips non volevate fare casini chidendomi di stare al mio posto… @NealSchonMusic quindi cosa lo rende diverso ora?”

In passato, Schon ha pubblicamente espresso la sua opposizione ad associare la musica di JOURNEY a cause politiche o religiose. Nel 2017, ha deriso Cain sui social media dopo che il tastierista, il cantante Arnel Pineda e il bassista Ross Valory sono stati fotografati con Trump alla Casa Bianca. La moglie di Cain, Paula White-Cain, è la sedicente consigliera spirituale del presidente.

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi