Tre anni fa, Marilyn Manson è stato travolto da un pesante puntello da palcoscenico durante uno spettacolo di New York City, con il risultato di una gamba rotta. L’incidente avrebbe potuto essere molto peggiore, anche se il recupero ha rappresentato una minaccia diversa: gli antidolorifici.

In una nuova intervista, Manson ha spiegato perché ha abbandonato la sostanza che creava dipendenza in un precedente momento della vita e il perché non beve più assenzio, uno spirito alcolico con una storia di effetti allucinogeni.

Ricordando l’incidente sul palco in una chiacchierata con Zane Lowe di Apple Music 1, Manson si ritiene fortunato di aver avuto problemi solo alla gamba, nonostante avesse bisogno di 10 chiodi di titanio per riparare la rottura. “Penso di essere stato molto fortunato che fosse a circa 15 centimetri dal mio cranio”, ha detto il cantante, che ha spiegato, “Quando è caduto non era assicurato e mi sono aggrappato a questo gigantesco impianto di illuminazione che essenzialmente aveva queste due pistole. Quindi, voglio dire, se c’è un argomento a favore del controllo delle armi, sarò subito lì per quanto riguarda quelle pistole”.

Ha detto che quei perni in titanio rimarranno nella sua gamba “per sempre” e che ha riabilitato la gamba per un anno e mezzo durante il tour. Ha ringraziato Dave Grohl e Axl Rose che hanno offerto il trono che avevano usato sul palco, che Manson ha rifiutato optando, invece per una sedia a rotelle elettrica che ha fatto parte appieno dello spettacolo teatrale…

“Non è stato affatto un momento divertente”, ammette Manson, che ha appena pubblicato il suo nuovo album, ‘We Are Chaos’, “ma ora non mi dà fastidio. In realtà è più che altro una gamba bionica, e non si spegne nemmeno negli aeroporti, il che è strano”. Se c’è heavy metal per qualcuno è la mia gamba, è full heavy metal”.

Come se riabilitare una gamba rotta sulla strada non fosse già abbastanza difficile, Manson era stanco di trattare il dolore con narcotici per paura di ricadere nelle vecchie abitudini. “Non li ho presi”, esortò il cantante. “Voglio dire, inizialmente li ho presi mentre ero in ospedale, quindi durante l’operazione. Ma siccome le avevo prese in passato, aumentando le dosi fino a farne un uso ricreativo, non volevo cadere preda di questo. Quindi non l’ho fatto e basta”.

Parlando dell’esperienza di convivere con il dolore, Manson ha detto: “Voglio dire che fa male, ma una volta che i recettori del dolore nel cervello… cambia il modo di pensare – tutto il cortisolo, la dopamina, tutto nel cervello, cambia. Quindi ti dà una prospettiva diversa”.

“Non sono affatto un modello di sobrietà”,dice il cinquantunenne mentre sorseggiando la sua bevanda, osservando attentamente che non prova alcun impulso o stimolo a prendere di nuovo gli antidolorifici. È solo che ti annebbia il cervello”, ha detto degli effetti collaterali, e ha affermato: “È per questo che ho smesso di bere assenzio – annebbia il lobo frontale”. Molte persone lo trovano un miglioramento artistico, ma a volte distorce un po’ il cervello in modo negativo”. Dove si è convinti che quello che si sta facendo è davvero fantastico quando è solo la droga a dirlo. Questo è quello che ho capito un po’ di tempo fa. Soprattutto entrando in questo disco. Ma prima di questo”.

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi