foto from youtube

In una nuova intervista a Consequence Of Sound, Marilyn Manson ha parlato di come è stata gestita la pandemia di coronavirus e dei suoi effetti sulla società.

Ha detto: “È in qualche modo terrificante pensare, in un certo senso, che i nostri genitori e i loro genitori abbiano attraversato tribolazioni e prove molto più dure nella vita, dalle guerre alla depressione finanziaria e ad altre malattie che hanno distrutto molte parti del mondo e diversi paesi, non solo il nostro. Per me, è un raggio di speranza che forse se tutti noi smettessimo di preoccuparci di concentrarci su elementi negativi della nostra cultura, in generale come americani, possiamo cercare di riunirci il più possibile. Non voglio parlare come John Lennon, solo il concetto che se in qualsiasi momento, persone di culture e stili di vita diversi e di età e personalità diverse e di sesso e razza e qualunque sia il caso, anche la religione, ora sarebbe il momento di … almeno concordare sul fatto che tutti noi dobbiamo cercare di salvare questo insieme.

“E se qualcosa che ho fatto su un disco contribuisce in qualche modo alla salute mentale personale e alla felicità di qualcuno, sarebbe bello, perché penso che sia una problematica che mi preoccupa davvero è che essere rinchiuso in una casa per così tanto tempo possa davvero pesare sulla salute mentale di qualcuno.”

Ha continuato. “E questa è una cosa con cui ho lottato per tutta la vita. E, venendo da una madre che ha avuto la schizofrenia e cose del genere, che non è stata diagnosticata per così tanti anni, deve essere davvero difficile per le persone che non riescono ad ottenere il tipo di sostegno e di attenzione di cui potrebbero aver bisogno dalla loro famiglia o dalle persone che si occupano di assistenza sanitaria. Immagino che questa sia la risposta politica o, forse, qualsiasi tipo di risposta intelligente che posso offrire, se questo ha un senso, almeno per me, come osservatore e come partecipante”.

Marilyn Manson pubblicherà il suo undicesimo album in studio, “We Are Chaos”, l’11 settembre in Via Loma Vista Recordings. Prodotto dal vincitore del Grammy Award Shooter Jennings (Brandi Carlile, Tanya Tucker) e Manson, l’opera a dieci tracce è stata scritta, registrata e finita prima che una pandemia ci ricoprisse tutti. Il dipinto di Manson Infinite Darkness, visibile sulla copertina dell’album, è stato creato appositamente per accompagnare la musica.

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi