Ieri l’ attrice di Game of Thrones Esmé Bianco ha intentato una causa contro Marilyn Manson (vero nome Brian Warner) e il suo ex manager, Tony Ciulla, sostenendo che Manson l’ha violentata e picchiata, e che il suo manager l’ha aiutata a trasferirla negli Stati Uniti con la scusa di essere in un video musicale. Manson, tramite un avvocato, ha rilasciato oggi una dichiarazione in cui nega le accuse, definendole “dimostrabilmente false”.

L’avvocato di Manson Howard E. King ha rilasciato una dichiarazione in risposta alle affermazioni all’Assosiated Press .

“Queste affermazioni sono dimostrabilmente false. Per essere chiari, questa causa è stata presentata solo dopo che il mio cliente si è rifiutato di sanare le richieste della signora Bianco e dal suo avvocato e non ha ceduto alle loro oltraggiose richieste finanziarie basate su comportamenti che semplicemente non si sono mai verificati. Contesteremo queste accuse in tribunale e siamo fiduciosi che avremo la meglio “.

La Bianco sostiene di aver incontrato il rocker nel 2005. La causa dice che nel febbraio 2009 lui l’ha invitata a Los Angeles per filmare un video musicale. Ma quando la Bianco è arrivata, dice di aver scoperto che ci si aspettava che restasse a casa sua e che non c’era la troupe cinematografica. La querelante sostiene di essere stata privata di cibo e sonno e di aver ricevuto droghe e alcol durante i suoi quattro giorni di permanenza.

“Forse la cosa più orribile”, continua la causa, “il signor Warner ha chiuso a chiave la signora Bianco in camera da letto, l‘ha legata a un inginocchiatoio e l’ha picchiata con una frusta che il signor Warner ha detto è stata utilizzata dai nazisti. L’ha anche colpita con scosse elettriche“.

L’azione legale afferma che avevano iniziato una relazione sessuale consensuale nel maggio 2009 e hanno mantenuto una relazione a distanza fino al 2011.

Nella sua denuncia, la signora Bianco dice che il signor Manson l’ha costretta a un rapporto sessuale spesso violento e degradante, a volte anche quando era incosciente o altrimenti incapace di acconsentire.

La querelante sostiene che il signor Manson ha commesso molteplici atti di violenza sessuale contro di lei nel 2011 e l’ha violentata nel maggio dello stesso anno.

La causa accusa anche Tony Ciulla, manager di Manson per più di 25 anni prima andarsene a febbraio, di “sostenere le tendenze violente [del signor Manson]” e presumibilmente di violare le leggi statunitensi sul traffico di esseri umani, facendole di fatto svolgere “lavoro non pagato” in diverse occasioni e interferendo con il suo processo di visto.

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi