Il 23 aprile 2019, la star di Westworld Evan Rachel Wood aveva testimoniato davanti al comitato di pubblica sicurezza del Senato della California in rappresentanza dei promotori del Phoenix Act, una legge destinata a dare alle vittime per avere  più tempo per farsi avanti e parlare contro i loro accusatori per i crimini di violenza domestica.

L’attrice statunitense 33enne aveva poi identificato come suo violentatore la rockstar Marilyn Manson con alcuni lunghi post sui social account.

La donna ha accusato il reverendo di essere antisemita e di aver usato ripetutamente la parola “N” durante la loro relazione, oltre ad abusare emotivamente e sessualmente di lei, e che Manson odiava le sue origini ebraiche:

Alla domanda in una nuova intervista con Bob Suehs di RockNRoll Experience se ha paura che “la cultura dell’annullamento” avvenga per Marilyn Manson, Wednesday 13 ha detto:

“Ancora una volta, è come in uno di quei casi dove tutti dicono “Va bene, beh, è ​​un mostro, quindi calpestiamo il ragno; uccidiamo il mostro” E credo che questa sia probabilmente la prima reazione a quel genere di cose, ma sono tutte accuse, e io dico che è innocente fino a prova contraria.”

ha continuato

“Manson è un mio caro amico da anni. Ma non so nulla delle cose che ho letto. Quindi non saprei”

Wednesday 13 ha anche fatto riferimento al recente commento di Dee Snider secondo cui la “cultura della cancellazione” è una forma di censura e che viviamo in un mondo politicamente corretto in cui “dobbiamo stare attenti a ciò che diciamo e a chi offendiamo”.

“E si è una forma di censura, ed è pericolosa. Se inizi a cancellare tutti per qualcosa di brutto che hanno fatto, non rimarrà nessuno. “

Alcune ex partner di Marilyn Manson, tra cui Rose McGowan e Dita Von Teese, si erano espresse sul cantante, accusandolo la prima di comportamenti scorretti e misogeni, mentre l’ex moglie aveva dichiarato:

“Per favore sappiate che i dettagli resi pubblici non corrispondono alla mia esperienza personale durante i nostri 7 anni insieme come coppia.”

La sua ex fidanzata Jenna Jameson, che lo ha frequentato alla fine degli anni ’90, aveva detto che “fantasticava di bruciarmi vivo”.

Manson è stato lasciato dal suo manager Tony Ciulla, che era stato al suo fianco per 25 anni. A seguire è stato anche lasciato dal suo agente, scaricato dalla sua etichetta discograficaLoma Vista Recordings, e tagliato da due programmi televisivi – American Gods e Creepshow – in cui aveva ruoli da attore.

Alle pubbliche accuse si è aggiunto l’attore Corey Feldman, che accusa Manson di “abusi mentali ed emotivi durati decenni” e di “esser stato usato e abusato come un suo giocattolo”.

Wes Borland dei Limp Bizkit, che ha suonato brevemente la chitarra nella band itinerante di Manson, aveva dichiarato:

“È un tipo cattivo… quel tipo è stato cancellato”

Trent Reznor dei Nine Inch Nails, una volta amico e mentore di Manson, ha dichiarato:

“Negli anni ho parlato della mia antipatia per Manson come persona e ho tagliato i legami con lui quasi 25 anni fa.”

 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi