Fret12 – Giugno 2015

Se si pensa ad un musicista impegnato nel tempo in più progetti, tutti molto rilevanti e capaci persino di scrivere la storia della rock/metal music con grandi risultati, non possiamo non pensare all’immenso Mark Tremonti (chitarra solista e corista di Alter Bridge e Creed), che ci stupisce sempre di più, e quest’album non è assolutamente da meno, anzi… scopriamolo insieme!

Molto probabilmente oggi non avrei potuto avere un risveglio più adrenalinico e potente se non con l’ascolto di questo fantastico secondo album dell’immenso Mark Tremonti, ‘Cauterize‘, capace di stupire e coinvolgere sempre più, accompagnato egregiamente e per la prima volta da Wolfgang Van Halen (il figlio di Eddie) al basso, a rimpiazzare Brian Marshall con cui suonò nel primo album “All I Was” oltre che ovviamente con Alter Bridge e Creed.

Proprio come direbbero gli americani: holy shit! è stata la prima parola venutami in mente alla prima riproduzione del disco, suscitata già dalla prima traccia ‘Radical Change’, che non mi ha assolutamente fatto esitare nel decidere di spararmela ad alto volume nel mio impianto eheheh… caratterizzata da una chitarra davvero brutale, grintosa e ruggente, da vero re della savana, capace di uscire dagli altoparlanti così fiammeggiante e con una furia del tutto inaspettata, ma è anche vero che Mark utilizza ancora una tecnica vocale abbastanza pulita, come si ci aspetterebbe dai Creed o gli Alter Bridge, capace di equilibrare il tutto alla perfezione. In poche parole un inferno di introduzione, ovviamente nell’accezione positiva del termine, seguita da una più pacata, ma non meno emozionante, ‘Flying Monkeys’, che nonostante il titolo stravagante, attinge ispirazione da band del calibro di Soundgarden e Alice in Chains, sia per le scelte armoniche che per un estensione e timbro vocale che in qualche modo ricorda Chris Cornell.

Ogni brano è una carica di adrenalina dritta al cuore per poi espandersi progressivamente per tutto il corpo, ed è ciò che si prova nuovamente con l’ascolto del terzo brano, ovvero la title track, con cui Mark torna a galoppare dopo l’apparente e solo ingannevole voglia di quietare il percorso, ed è proprio ciò di cui l’ascoltatore ha bisogno per non smorzare il proseguimento di questo adrenalinico e forgiante cammino.

Segnalo poi la quinta traccia, intitolata ‘Dark Trip’ e bisogna ammettere che già il titolo parla da solo e descrive perfettamente le sensazioni derivanti dal suo ascolto, molto ricco e sonoramente per poi terminare con un fantastico assolo di chitarra degno del nome di Mark seguito da un esasperato ritornello.

Per il resto penso ci sia poco da aggiungere e più da ascoltare con le proprie orecchie e con il proprio cuore, consiglio vivamente l’ascolto di questo fantastico album che conferma la solidità di questo grandissimo artista, accompagnato perfettamente da un’altrettanta magnifica band… buon viaggio!

www.marktremonti.net

Tracklist:
1. Radical Change
2. Flying Monkeys
3. Cauterize
4. Arm Yourself
5. Dark Trip
6. Another Heart
7. Fall Again
8. Tie the Noose
9. Sympathy
10. Providence

Band:
Mark Tremonti – voce, chitarra
Eric Friedman – chitarra
Wolfgang Van Halen – basso
Garrett Whitlock – batteria

Mark-Tremonti-Net-Worth

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi