Il suono del rullante sul St. Anger dei Metallica è stato sempre criticato dai fan sin da quando l’album è stato pubblicato nel 2003. È stato senza dubbio il momento più difficile della carriera della band ed è anche difficile credere che questo terribile suono è stato in realtà la soluzione per far andare avanti la band? Questo è ciò che il produttore Bob Rock ha affermato in una recente intervista.

Durante la registrazione dell’album e come documentato nel film Some Kind of Monster della band, il frontman dei Metallica James Hetfield è entrato in riabilitazione per problemi di rabbia e alcol, interrompendo prematuramente le sessioni di scrittura e registrazione della band. Senza molti contatti con Hetfield per mesi, la band era in stallo.
 
Una volta tornato Hetfield, il gruppo riprese da dove si era interrotto e le registrazione di St. Anger furono interrotte mentre cercavano un sostituto del bassista Jason Newsted, che lasciò il gruppo nel 2001.

Tra le lamentele sull’album c’erano la netta mancanza di assoli di chitarra, che anche Rock ha affrontato, e quel famigerato suono di rullante che molti hanno paragonato a un coperchio di metallo di una pentola.

Facendo luce su come Ulrich abbia scelto di mantenere quel suono, Rock ha spiegato sul podcast Tone-Talk:

“Per me è ok. Il fatto è che questo è interessante, c’è una storia dietro: mentre stavamo registrando, andammo nella loro club house; eravamo a San Francisco, andammo a Oakland dove avevano provato con Cliff [Burton]. E ci divertimmo molto, e Lars mi raccontò della sua batteria, come l’aveva settata”.

Cercando la scintilla creativa, Rock disse di iniziare a “scherzare con altre batterie”, incoraggiando Ulrich a smantellare il suo solito setup alla ricerca di qualcosa di nuovo.

“Quindi sistemò la batteria nella sala prove, stavamo arrivando e Lars continuava a fissare la batteria”, ha ricordato il produttore, osservando: “Alla fine, si è seduto dietro e ha detto: ‘Dammi solo un rullante .’ Avevo comprato un rullante Ludwig Plexi perché volevo provarlo, lo ha messo sulla batteria e ha detto: “Questo è il suono”. “

Preso un po ‘alla sprovvista, Rock continuò,

“E io dissi,’Cosa?’…”

Dopo aver installato alcuni microfoni, Rock e Ulrich hanno seguito alcune demo ed è stato Ulrich che è rimasto irremovibile sul fatto che il suono del rullante non potesse essere modificato.

 “Semplicemente non sarebbe ritornato sui suoi passi”, ha affermato Rock, aggiungendo, “Non lo sto incolpando, questo era il suono della batteria quando stavano provando l’album, ed è fondamentalmente il più vicino a loro che si trovano in quella club house, e non importa quello che dicono tutti, ha tenuto insieme la band e questo li ha ispirati ad andare avanti “.

Nonostante tutte le critiche sul suono del rullante St. Anger, il produttore non torna indietro

“Quindi non ho problemi nonostante gli attacchi subiti. È un fottuto suono di rullante, dateci una pausa”

Il produttore ha anche paragonato la sperimentazione a ciò che gli U2 avevano fatto nel loro disco Achtung Baby:

“A volte senti a malapena la batteria, a volte il basso è la cosa più rumorosa; in altre parole, elimina i preconcetti. E parte di St. Anger lo ha fatto… Perché dobbiamo impostare la batteria lo stesso solo perché centra il metal?”

 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi