Mortado – Rupert the King

GL Perotti è una delle colonne portanti del metal italiano. Ecco il suo nuovo progetto Mortado. Un devastante quartetto, un manipolo di selvaggi musicisti, un insieme di durissimi artisti.

GL, ex Extrema e voce anche dei Rebeldevil progetto di Dario Cappanera, è un personaggio del metal italiano da parecchi lustri. Personaggio discusso e apprezzato, insultato e ammirato, evitato e stimato. Insomma si è parlato molto di lui in passato e ancora se ne parlerà bene e male allo stesso tempo. A chi importa.

Bisogna ammettere e riconoscere la sua enorme passione per la musica e la sua infinità generosità artistica e personale che lo rendono unico nella sua follia, potenza e geniale sregolatezza. Un grande davvero.

La band…

Ed ecco GL Perotti finalmente ritornare sulle scene musicali, dopo la dipartita dagli Extrema, con questo nuovo progetto Mortado che lo vede assieme ad altri musicisti e amici ad affrontare un nuovo percorso.

Un ottimo Stefano Franzè che fa sfoggio di una qualità tecnica e di una energica perizia passionale, con degli assolo davvero incredibili, divertenti in alcuni casi, ma davvero mozzafiato. Belli gli intrecci.

Un magistrale Simone Franzè al basso che non si accontenta di sonorizzare le ritmiche della batteria ma propone degli elevati passaggi di altissimo livello tecnico con energia e precisione.

Manuel Togni, navigato batterista che vanta collaborazioni di incredibile spessore, contribuisce con un approccio devastante, potente, violentemente metronomico esprime una grinta ritmica davvero impressionante.

GL si diverte a creare provocazioni sonore con le sue acide linee della voce, che, rispetto a quelle del passato, si arricchiscono di nuovi timbri e sfumature che segnano la maturazione di questo cantante e lasciano invariata la sua potenza e arrogante cattiveria musicale.

L’album…

Rupert the King‘ è una bella botta. Come dicevo in precedenza è davvero ben eseguito da tutti e quattro i Mortado. Splendido nella cura e nella sua robustezza. Duro, davvero duro. I brani sono esplosioni devastanti e violente: ‘Secret Society‘ è particolare, nell’inciso, nelle doppie voce, nel significato profondo.
Il significato dell’album è particolare e guarda alla società contemporanea. ‘No Escape‘ è un brano davvero da ascoltare ed apprezzare grazie alla sua linea melodica del suo potente sviluppo. Lo inserisco nella mia playlist di oggi. L’inizio di ‘Dangerous Deal’ mi ha fatto spalancare gli occhi a causa della sua velocità. Per fortuna l’immediato tempo cadenzato mi ha tranquillizzato lasciandomi apprezzare un vero pezzo metal. Un’altra grande composizione: ‘Babylon’s Flag‘. Un ritmo splendido e tanto trasporto.

E adesso basta. Ascoltatelo!!!

Blasphemous Records – Aprile 2019

www.facebook.com/magomortado

Tracklist:
1. Rupert the King
2. In the Middle of the Night
3. Babylon’s Flag
4. No Escape
5. Double Face (Extrema cover)
6. Dangerous Deal
7. The Great Spirit
8. Venom
9. The Art of soul
10. Secret Society
11. Blood Shower (Blind Illusion cover)

Band:
Gianluca GL Perotti – voce, chitarra
Stefano Franzè -chitarra
Simone Franzè – basso
Manuel Togni – batteria

 

Articoli Correlati

About Francesco Amato 693 Articoli
Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

1 Commento su Mortado – Rupert the King

  1. grandissimo e graditissimo ritorno!!Grande GL e bravi pure gli altri. se amate il thrash e il buon metal italiano dovete assolutamente fare vostro questo cd!! Visti po idal vivo e sono devastanti.. E che cazzo fateli suonare su un grosso palco!!!!!!!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*