Motörhead – Bad Magic

 

 UDR GmbH – Agosto 2015

Avete mai sentito parlare dei Motörhead?

Alzi la mano chi 40 fa avrebbe pensato ai Motörhead vivi e vegeti, in carne e alcol nel 2015! Ci scommetto: pochini… in Italia ancora di meno. A fine anni settanta – primi anni ottanta, la maggior parte dei rocker italiani ascoltando o parlando dei Motörhead storcevano il naso e si facevano venire le convulsioni a casua del modo di cantare, di suonare il basso, di interagire col pubblico, della vicinanza alla destra in politica, della velocità, della chitarra che non suona da chitarra, di questo e di quello… Poi ecco il colpo di magia (nera, ovvio) ed ecco trasformata la band più denigrata degli anni 80 in una cult band da adorare prima e poi vera e propria pietra miliare del rock’n’roll o del metal a seconda dei casi, poi. Ipocriti! hahahaha.

Ho sempre adorato i Motörhead, sin da quel lontano 79 quando ascoltai le prime note di ‘Overkill‘ (versione in studio è ovvio) e da allora ho continuato a seguirli comprando e sperperando, vedendoli dal vivo moltissime volte e arrabbiandomi su alcune produzioni non all’altezza del nome…

Ed eccoci a celebrare il ritorno di Lemmy e soci. Lemmy simpatico settantente con l’eterna giovinezza nel poco sangue che gli è rimasto, fra storia e acciacchi di una vita sfrenata, rocker dannato e rock’n’roll in persona, mito immortale di un genere sempiterno. Meno male che ancora c’è Lemmy e che ci sono i Motörhead a ricordare cosa vuol dire rock’n’roll. Meno male che la storia non termina, anzi si arricchisce di un tassello per scrivere un passaggio ulteriore e aggiungere un piolo alla scala che conduce non al paradiso ma bensì all’inferno. E’ troppo? No! non lo è!

E poi ancora: ‘…ma i Motörhead non cambiano mai, sempre gli stessi album…‘ da parte di coloro che vivono per l’innovazione sempre e comunque, oppure ‘… i Motörhead non sono più quelli di una volta…‘ da parte dei più sfrenati conservatori (io).

Un po’ di numeri allora. ‘Bad Magic‘, albun in studio numero 22, in 40 anni di carriera, 13 brani al suo interno e facciamo una media del ‘caso’ e sono circa 250 i brani che i Motörhead  anno scritto senza contare le cover che hanno realizzato, le partecipazioni con altri artisti, e… basta mi fermo.

Bad Magic‘ dunque e chi se lo aspettava. Il singolo ‘Electricity‘ non mi è affatto piaciuto rimanendo basito dopo il primo ascolto, ma quando ho avuto modo di iniziare davvero dal principio sono esploso in ‘Victory Or Die‘. Finalmente!!! Motörhead!!! Mi piace anche Campell, scherzo. Ottimo il riff e uno splendido assolo. Perchè non prenderlo come singolo? Ma io non ne capisco di musica & business quindi da amante del rock’n’roll mi diverto con questo super passionale ‘Victory Or Die‘, grande! Siamo al cospetto dei Motörhead la band più rumorosa del pianeta e così si presenta anche in questo ‘Bad Magic‘. Rock’n’Roll, rumore, forza, energia ed inquieta potenza senza sosta. Yeah.

I Motörhead non sono solo una band, un tutt’uno ma una diversificazione di tre entità con un porprio cuore, testa e comportamento musicale. Lemmy è un leader, Lemmy è dio (ricordate?), null’altro da aggiungere; Phil Campbell è diventato uomo con i Motörhead e la sua sferzata compositiva e creativa si è solidificata imparando a convivere con gli altri determinando e definendo una propria personalità e atteggiamento, un ottimo  musicista; Mikkey Dee è sempre stato l’intelligente programmatore del successo sin da quando è entrato nella band e il suo spazio potente è inconfondibile è necessario per la buona riuscita di ogni progetto in studio o dal vivo.

Ascoltando meglio ‘Bad Magic‘ mi rendo conto del suo signficato e del perchè di tale titolo. ‘Bad Magic‘ è ipnotico, distruttivo e graffiante. Un rito magico in musica ed è la musica che tiene a galla questo potente, ed unico nel suo genere, manipolo di manigoldi. Ed è la musica ad essere la reale magia e poichè si parla di rock’n’roll una magia acida e cattiva, dissoluta, diabolica, perversa.
Incredibile, una delle migliori produzioni degli ultimi tempi, ovvio a mio parere. Eppure, ripeto, ascoltando ‘Electricity‘ mi stava venendo un coccolone poichè mi sembrava un brano riciclo di qualcosa di ascoltato spesso. Ma meno male che nella vita c’è sempre tempo per ricredersi perchè ‘Thunder & Lightning‘ è potenza pura e assieme a ‘Teach Them How To Bleed‘ e ‘Evil Eye‘ dimostra quanta forza ci sia ancora nel trio inglese; ‘Fire Storm Hotel‘ è uno splendido blues con le solite controvoci nel ritornello che spaccano davvero, tra blues e hard rock di classe… questo sì che mi piace, ‘…burn…‘ fuoco e fiamme. ‘When The Sky Comes Looking For You‘ è epico e coinvolgente con una serie di incisi di chitarra troppo intriganti e accantivanti e la voce in ‘Choking On Your Screams‘ sembra provenire da ‘Orgasmatron‘ in ferro e ossa…

Le 40 vite dei Motörhead… tra momenti al (over the) top e momenti neri, tra produttori inetti quanto me e capitani che hanno compreso e aiutato i Motörhead a essere Motörhead. Il 2015 ci regala una piccola perla, non un capolavoro, ma perla sì. L’importante è partecipare? No… Vittoria o Morte. E le due parole si adattano a perfezione alla storia dei Motörhead. E poichè i Motörhead non mai avuto paura di rischiare ecco la conclusione affidata a ‘Simpathy For The Devil‘, e devo dire che escludendo la versione origina degli Stones, questa è la migliore cover in circolazione, Ozzy e Guns mi perdoneranno.

Vi invito vivamente all’ascolto di tutto ‘Bad Magic‘ poichè i Motörhead son tornati molto determinati e in forma. Li aspetto dal vivo, celebrerò ancora una volta assieme a loro… il patto di un tempo sarà ancora più solido, ‘Till The End‘!

p.s.: troppo lunga lo so…

www.imotorhead.com

Tracklist:
1. Victory Or Die
2. Thunder & Lightning
3. Fire Storm Hotel
4. Shoot Out all of Your Lights
5. The Devil
6. Electricity
7. Evil Eye
8. Teach Them How To Bleed
9. Till The End
10. Tell Me Who To Kill
11. Choking On Your Screams
12. When The Sky Comes Looking For You
13. Sympathy For The Devil

Band:
Lemmy – voce, basso
Phil Campbell – chitarra
Mikkey Dee – batteria

 

Motörhead - Band 2015

 

 

Articoli Correlati

About Francesco Amato 701 Articoli
Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*