Novoselic: anche i master di Nevermind dei Nirvana sono andati bruciati nell’incendio degli Universal Studios

Secondo The Pulse Of Radio, un reportage del New York Times ha rivelato per la prima volta che circa 500.000 registrazioni di molti dei più grandi artisti sono stati distrutti in un incendio che ha travolto lo studio Hollywood degli Universal Studios il 1 giugno 2008.

Tra le registrazioni perse – molte delle quali potrebbero essere state su master originali – c’erano canzoni di NIRVANA, SOUNDGARDEN, NINE INCH NAILS, GUNS N ‘ROSES, BECK, NESSUN DUBBIO, AEROSMITH, REM e altro ancora.

L’ex bassista dei NIRVANA Krist Novoselic è uno dei numerosi artisti di Universal che da allora ha reagito alla pubblicazione della storia e ha fornito ulteriori dettagli su alcuni dei tesori perduti.

Alla domanda di un fan su Twitter se i master di “Nevermind” fossero stati distrutti, Novoselic ha risposto:

“Penso che siano andati per sempre”.

Persi anche quasi tutti i maestri di Buddy Holly, oltre a registrazioni classiche e / o antiche di Etta James, Billie Holiday, Louie Armstrong, Al Jolson, Bing Crosby, Aretha Franklin, John Coltrane, Al Green, Ray Charles, Elton John, BB King , I QUATTRO TOP, Snoop Dogg, Chuck Berry, Tom Petty, Joan Baez, Neil Diamond, Cat Stevens, GLADYS KNIGHT E THE PIPS, Eric Clapton, THE EAGLES, Rufus e Chaka Khan, Barry White, Patti LaBelle, THE POLICE, Sting , Steve Earle, Janet Jackson, Mary J. Blige, Snoop Dogg, Sheryl Crow, Tupac Shakur, Eminem, 50 Cent e innumerevoli altri.

Al momento dell’incendio, la copertura si concentrava sui danni alle proprietà di film, TV e parchi a tema della Universal, con rappresentanti che affermavano che la maggior parte della musica conservata nel caveau del lotto era stata spostata nelle “nostre altre strutture” o “digitalizzate” “.

Il New York Times ha rivelato, tuttavia, che più di 118.000 “beni” sono stati distrutti, contenenti mezzo milione di registrazioni individuali. Molti provenivano da etichette famose come Decca, Chess, Impulse, MCA, Geffen, ABC, A & M e Interscope. Randy Aronson, il senior director delle operazioni di volta in volta, ha dichiarato al The New York Times che la società ha valutato il totale complessivo del nastro perso e della “perdita di talento” a $ 150 milioni.

Lo stesso New York Times si riferisce all’incendio come “il più grande disastro nella storia del business musicale“, citando rapporti interni, documenti legali e il ricordo di Aronson e di altri che erano presenti.

La Universal ha contestato la storia del New York Times, dicendo che contiene “numerose imprecisioni, affermazioni ingannevoli, contraddizioni e incomprensioni fondamentali della portata dell’incidente e dei beni interessati”. La compagnia ha anche citato la sua recente storia di rilascio di ristampe di alta qualità di molti degli album che si sostiene siano stati distrutti, aggiungendo: “La conservazione della musica è la massima priorità per noi”.


 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*