OZZY OSBOURNE: il 20 gennaio del 1982, durante un live, mordeva la testa di un pipistrello

per celebrare il macabro episodio Ozzy mette in vendita un peluche con testa staccabile

La sera del 20 gennaio 1982, durante un concerto a Des Moines, in Iowa, Ozzy Osbourne raccolse un pipistrello lanciato sul palco da un fan e, credendo fosse erroneamente un peluche o un pupazzo di gomma, gli staccò la testa con un morso, salvo poi rendersi conto che l’animale era vivo e vegeto.

 “Ho capito subito che c’era qualcosa di strano”

ha raccontato il Madman nell’autobiografia I Am Ozzy uscita nel 2009:

“All’improvviso la mia bocca si è riempita di un liquido denso e caldo che aveva il retrogusto peggiore che potreste mai immaginare. L’ho sentito scorrermi tra i denti e poi colarmi lungo il mento, poi ho sentito muoversi la testa che avevo in bocca”

Ozzy fu costretto a sottoporsi ad alcuni trattamenti di profilassi per per scongiurare il pericolo di aver contratto malattie, come ad esempio la rabbia. Durante l’episodio, infatti, anche il pipistrello riuscì a mordere il cantante.

L’anno scorso, per celebrare il macabro episodio, Ozzy aveva messo in vendita un peluche di un pipestrello con testa staccabile a ben 40 dollari ed è in vendita anche oggi!

“Oggi è il 38esimo anniversario dal giorno in cui ho staccato la testa a morsi a un fotuto pipistrello! Festeggiate con questo peluche commemorativo che ha la testa staccabile!”. 

Il video dell’incidente:

 


 

E’ in arrivo il nuovo disco di Ozzy, Ordinary Man, registrato a Los Angeles, l’album presenta il produttore Andrew Watt alla chitarra, Duff McKagan (GUNS N ‘ROSES) al basso e Chad Smith (RED HOT CHILI PEPPERS) alla batteria.

L’ex cantante dei BLACK SABBATH aveva nuovamente annunciato il rinvio del tour europeo 2020 . Il concerto precedentemente annullato del 1 marzo 2019 era stato riprogrammato per il 10 marzo 2020 all’Unipol Arena di Bologna e poi nuovamente spostato al 19 Novembre. Ad aprire lo show ci saranno i JUDAS PRIESTBiglietti ancora disponibili qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X