Stjepan Juras, manager croato che ha curato Paul Di’Anno negli ultimi anni, ha lanciato un appello agli amici dell’ex Iron Maiden, chiedendo di stargli vicino. In un lungo post infatti il manager ha dato aggiornamenti sulla sua carriera e sulla sua salute sia fisica che mentale:

 

“Ciao a tutti gli amici e fan di Paul che si preoccupano sempre e chiedono come sta Paul e vogliono aiutare. Sto scrivendo questa risposta pubblicamente in modo che tutti voi abbiate una visione corretta della situazione e in modo che possiate potenzialmente essere coinvolti. Anche Paul è stato taggato in questo mio post. Paul è attualmente a casa sua nel Regno Unito, dove ha cercato, con l’aiuto di amici, di organizzare cure nel Regno Unito, tuttavia, per diversi motivi; prezzo elevato, difficoltà nell’organizzazione logistica, assistenza insufficientemente efficiente, condizioni di vita impossibili e soddisfazione indipendente dei bisogni fondamentali e fisiologici nella propria casa, solitudine (che poi porta a conseguenze mentalmente pericolose) e molte altre ragioni, è diventato abbastanza chiaro che Paul non può continuare le cure a casa, non importa quante volte medici, infermieri e fisioterapisti vengano a casa sua, ma deve andare da qualche parte dove sarà sotto costante cura.

Può sembrare strano e incredibile, ma SEMPRE durante il tour, la sua gamba era in condizioni molto migliori al ritorno rispetto a quando è andato in tour. Anche qualche giorno fa Paolo ne ha scritto su Facebook, e io farò chiarezza. Durante il tour, se i viaggi in aereo sono faticosi, ecc., qualcuno può aiutare Paul ogni giorno ad andare a letto, ad andare in bagno, a fare la doccia, un’infermiera può visitarlo ogni volta che è necessario, e durante il tour brasiliano lo farà avere un assistente personale, infermieri e fisioterapisti 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Inoltre, ha scritto che la solitudine lo uccide mentalmente, e Paul è costantemente solo a casa sua, ad eccezione di alcune visite che avvengono qua e là. Paul è arrivato a questo punto in cui deve essere quotidianamente affidato alle cure di qualcuno, perché se ciò non accade temo il peggio. Molti dei suoi amici, guidati da Kastro, che si è preso cura di lui fin dall’inizio, hanno insistito sull’urgenza e mi hanno chiesto di trovare ancora una volta una soluzione affinché Paul andasse in Croazia e continuasse il suo trattamento in clinica. Sebbene Paul abbia bisogno solo di pochi mesi di lavoro per poter camminare completamente, non è così facile. Ci sono numerosi ostacoli mentali e forza, disturbo da stress post-traumatico, depressione, ecc. + uno stile di vita non così sano.

Tutte queste cose sono malattie e su questo non c’è da scherzare. Molti diranno (e anch’io l’ho pensato molte volte) Paul è così, Paul è così, è nemico di se stesso, il suo peggior nemico, ecc., ma nessuno avrà completamente ragione. Quella che sta combattendo è una battaglia difficile, e può essere vista obiettivamente solo se vista attraverso il prisma della malattia, e non del libero arbitrio e delle scelte personali. Sono solo un tifoso, in questo caso il suo manager, ma non sono un medico, né un mago. Le mie capacità sono limitate, anche se cerco di imparare ogni giorno. Paul è malato e ha bisogno di aiuto. I concerti finora lo hanno aiutato tantissimo, perché ora non deve più dipendere esclusivamente dalle donazioni, ma ha una fonte di reddito per le cure, però se c’è qualcosa di cui ho bisogno da tutti voi è l’altro tipo di aiuto ; consigli e altri. Se qualcuno di voi è amico intimo di Paul, aiutatelo, parlate con lui, aiutatelo con le questioni burocratiche nel Regno Unito e fategli capire che siamo tutti lì per lui anche quando pensa che non lo siamo. Non ho mai affrontato tali difficoltà in vita mia, comprese quelle mentali, ma ho fatto del mio meglio per aiutare.

E tu, Paul, che stai leggendo questo, sai che tutti ti amiamo e a volte ricordiamo (quando stai attraversando un momento difficile e vorresti solo urlare) che siamo qui per aiutarti e che non c’è motivo per cui tu urli per noi, non importa quanto fosse difficile, sembrava giustificato.

Sto lavorando per riportare Paul in Croazia per le cure a metà marzo e per liberarmi dell’infezione e delle gambe ancora una volta molto gonfie. Tutti quelli che seguono questo, spero che lo capiate e mi aiutino se potete!”

Avatar
Author

Comments are closed.