Paul Stanley: ‘E’ ingiusto lo streaming e il download!’

Paul Stanley si schiera ancora una volta in difesa dei musicisti e contro lo streaming e il download dei brani  e degli album.

In una nuova intervista con Yahoo! Finanza, al frontman, voce e fondatore dei KISS Paul Stanley sono state chieste alcune opinioni sui servizi di streaming musicale come Spotify e Apple Music

Stanley ha detto:

Penso che sia ancora il selvaggio West, e penso che nel complesso sia ingiusto per i musicisti. Perché i musicisti, come qualsiasi altro lavoratore, dovrebbero essere in grado di chiarire lo status del suo modo di essere retribuito a prescindere dal fatto che un album o un brano si a comprato o meno. Bisognava stabilire tutto prima che tutto ciò iniziasse proprio con lo streaming. “Ti pagheremo X, o non ti pagheremo nulla”. Adesso è come se qualcuno entrasse e dipingesse la tua casa e poi dovresti contrattare se pagarlo o meno, la premessa è sbagliata, quindi, qualunque sia la sua evoluzione, si basa su qualcosa che trovo davvero sbagliato.

Non mi preoccupo per me – fortunatamente, il mio affitto è pagato,  ma ci sono giovani che fanno musica che possono essere molto idealisti ora e dire che il denaro non è la motivazione, ma quando sarà il momento di pagare l’affitto allora la motivazione cambierà.

Ha continuato:

La dimensione del tuo successo è molto più limitata di una volta, e le probabilità di successo sono molto più limitate di quanto non fossero un tempo. Quando qualcuno  sta scaricando file non fa altro che rubare musica o  condividere la musica. Ad esempio, è come condividere l’auto di qualcuno che non sa che hai preso la macchina, ma… stai condividendo la sua auto. 

 

 

 

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*