PHILIP ANSELMO: dopo la morte di VINNIE PAUL suonare le canzoni dei PANTERA è “diventato irresistibile”

Il cantante dei Down è tornato sulla sua decisione di suonare i classici con gli Illegals

Phil Anselmo - Down live @ Milano - foto di Ema Contino

Philip Anselmo ha parlato con Revolver della sua decisione di suonare e cantare le canzoni dei PANTERA durante l’attuale tour europeo con la sua band solista, PHILIP H. ANSELMO & THE ILLEGALS.

“Circa un mese dopo la fine del nostro tour Vince Paul è morto… è stato orribile e così inaspettato”, ha detto. “È stato qualcosa che mi ha colpito duramente. Ero nella mia cucina e sono caduto sul pavimento e ho dovuto cercare di prendere aria per respirare.

È stato quello il momento che il continuo invito di fare più canzoni dei PANTERA è diventato irresistibile. Doveva perciò essere un tributo. Doveva essere fatto bene. Mai avrei pensato di farlo con i THE ILLEGALS. Chiaramente il nostro obiettivo era quello di essere una band death metal che spaccava. Grandi meriti vanno a loro per aver imparato le canzoni dei PANTERA. Non hanno nemmeno battuto ciglio, amico, e lo hanno fatto”

Ha continuato il cantante dei Down:

“L’atmosfera della maggior parte degli spettacoli è stata così fottutamente fantastica, amico”, ha continuato. “E ciò che mi piace  davvero è vedere i giovani tra il pubblico, e vederli impazzire per le canzoni dei PANTERA. E voi sapete che sono stati i loro genitori a portarli…”

Phil Anselmo ha suonato al Rockmaraton festival in Dunaújváros, Per l’occasione ha eseguito dei brani dei Pantera che possono essere visti di seguito:

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


X