Le Pussy Riot hanno pubblicato la canzone “1312” in risposta all’uccisione di George Floyd, un uomo di colore disarmato, che è morto lunedì 25 maggio quando la polizia di Minneapolis lo ha arrestato fuori da un negozio di alimentari in seguito a una denuncia di una fattura contraffatta.

Il 46enne è stato ripreso in un video di uno spettatore a terra durante il fermo, con un poliziotto inginocchiato sul collo per quasi otto minuti. Nel filmato, si sente Floyd supplicare gli ufficiali, “Non riesco a respirare … Non uccidermi”, mentre gli ufficiali ignorano le sue richieste. Alla fine smette di parlare e muoversi.

In tutti gli Stati Uniti sono scoppiate violente proteste e rivolte, con il presidente Donald Trump che ha recente dichiarato che farà intervenire l’esercito se sarà necessario. Dall’inizio delle proteste almeno cinque sono le persone sono morte e si contano feriti sia tra i manifestanti che tra le forze di polizia. Lunedì quattro poliziotti sono stati colpiti da spari durante la manifestazione a St. Louis, in Missouri e altri due sono stati feriti a Buffalo, nello stato di New York,

 Contro gli abusi della polizia la punk band russa Pussy Riot pubblica un nuovo esplicito pezzo, collaborando con gli artisti argentini Parcas, Dillom e Muerejoven per onorare “il coraggio e la forza mostrati di fronte alle forze di polizia violente ” in Cile.

Il collettivo chiede alla polizia di unirsi alle proteste per l’uguaglianza razziale e di genere, e riqualificare le forze di polizia per proteggere i diritti di tutti:

Rendere gli assistenti sociali responsabili dell’istituzione di polizia. I loro obiettivi dovrebbero essere di aiutare le persone ad affrontare i problemi sociali ed economici, non di punirli e uccidere senza motivo, poiché hanno appena ucciso George Floyd negli Stati Uniti. Il governo e la polizia sono i nostri servi. Troppo spesso se ne dimenticano e pensano che siamo noi che siamo qui per servirli.

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi