‘¡Adios Amigos!’ ovvero l’ultimo album della leggenda del punk, RAMONES, Il punk per eccellenza, i padri della ribellione sonora e della ribellione sociale.

Con ‘¡Adios Amigos!’ si chiude una ventennale carriera e finisce uno dei momenti storici più rappresentatavi del rock’n’roll. La chiusura  di un gruppo  corrisponde alla  chiusura di un momento unico e speciale proprio perchè si scrive a caratteri cubitali la parola FINE nell’ultima pagina di un libro che è stato scritto in un momento storico ben preciso e che ha rappresentato la rivoluzione culturale o controculturale di un gruppo.

Ma per i Ramones, sempre contro tutti, contro le mode, contro la società, ma soprattutto contro loro stessi, l’aspetto romantico della conclusione non è quello principale, non è quello portante e fondamentale.

I Ramones non mettono la parola fine perchè decidono di appendere gli strumenti al chiodo e andare in pensione per vivere la loro vita lontano dai rotocalchi e riflettori. Non salutano tutti perchè stanchi di una vita sui palchi, di una vita di eccessi, di litigi e di conquiste, di momenti di gloria… 

La ragione è molto più banale… tutto riporta a un fattore economico che cela la probabile scusa di non voler più stare insieme. L’album non è programmato per essere l’ultimo la chiusura di un percorso, ma solo dopo la pubblicazione e il numero di vendite basso per l’etichetta e per la band si decide di salutare tutti e andare a casa. Troppo banale, mi piace pensare. Oserei azzardare che i componenti si trovavano in un momento di stanchezza e delusione, di voglia di ritirarsi e fare altro, di voglia di separarsi l’uno dall’altro e affrontare la vita in modo diverso…

Dee Dee Ramone non imbraccia più il basso con la band dal 1989 ma collabora alla stesura dei brani e sei sono anche scritti da lui in questo lavoro, inoltre è presente nei cori del brano ‘Born to Die in Berlin’. Tutti ricordiamo le cover di ‘I Don’t Want to Grow Up’ di Tom Waits e ‘I Love You’ di Johnny Thunders…

Peccato che fisicamente i Ramones non ci siano più. Peccato che non si possa andare al CBGB’s e incontrare i quattro teppisti suonare tutto d’un fiato e sentir gridare ‘…one, two, three, four…’ e sentire l’assordante follia punk tipica e unica…

Saranno immortali… Arrivederci Amici…

Nella versione giapponese è presente come bonus track la canzone R.A.M.O.N.E.S. originariamente scritta e incisa dai Motörhead come tributo ai Ramones inclusa nell’album ‘1916′.

 

Track listing

Side one
1. I Don’t Want to Grow Up (Tom Waits, Kathleen Brennan)
2. Makin Monsters for My Friends (Dee Dee Ramone, Daniel Rey)
3. It’s Not for Me to Know (Dee Dee Ramone, Daniel Rey)
4. The Crusher (Dee Dee Ramone, Daniel Rey)
5. Life’s a Gas (Joey Ramone)
6. Take the Pain Away (Dee Dee Ramone, Daniel Rey)
7. I Love You (Johnny Thunders)

Side two
8. Cretin Family (Dee Dee Ramone, Daniel Rey)
9. Have a Nice Day (Marky Ramone, Garrett James Uhlenbrock)
10. Scattergun (C.J. Ramone)
11. Got a Lot to Say (C.J. Ramone)
12. She Talks to Rainbows (Joey Ramone)
13. Born to Die in Berlin (Dee Dee Ramone, John Carco)

CD Bonus tracks
14. R.A.M.O.N.E.S. (On Japanese edition. C.J. Ramone on vocals.) (Motörhead)
15.Spider-Man (On U.S. edition.) (Paul Francis Webster, Robert Harris)

Band:
Joey Ramone – lead vocals (tracks 1, 3, 5-7, 9, 11-13, 15), backing vocals (tracks 4)
Johnny Ramone – guitar
C. J. Ramone – bass guitar, backing vocals, lead vocals (tracks 2, 4, 8, 10, 14)
Marky Ramone – drums
Dee Dee Ramone – co-lead vocals (track 13)

Avatar
Author

Born to Lose, Live to Win | Rock'n'Roll is my life, so... long live rock'n'roll !!!

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi