comunicato stampa

Dopo anni di incontri sopra e sotto i palchi, nei camerini di festival e Autogrill lo ska-core dei torinesi RIMOZIONE incontra il punk degli inossidabili Punkreas in un nuovo singolo ricco di ritmo, distorsioni e cori che condiscono un testo carico di sensazioni ed emozioni che arrivano direttamente dai concerti, creando flashback e figure retoriche che chiunque abbia suonato nella propria vita uno strumento ha vissuto sulla propria pelle.

Il nuovo brano è inoltre una dichiarazione d’amore per la Musica intesa come way of life capace – con i suoi concerti – di lenire ogni dolore, di curare, far crescere e salvare chi ha la fortuna di poterla vivere. Una riflessione nata nei due anni di fermo totale degli eventi e dei concerti che si trasporta nella vita di tutti i giorni: una sorta di carpe diem che ci deve far godere di ogni possibilità di vivere le “sensazioni, profumi ed i colori” di un’esperienza intensa come quella di assistere o salire su un palco come se fosse l’ultimo ma con la speranza che non lo sia, nonostante passino gli anni e i colori “tatuati sulla pelle” comincino a sbiadirsi.

La produzione artistica è della band torinese con il supporto di Pippo Monaro che – anche in questa occasione come già avvenuto in passato – ne ha seguito tutte le fasi di registrazioni e mixaggio presso lo studio Blumusica di Torino, punto di riferimento della scena musicale torinese e non solo.
L’artwork della copertina è opera del grafico (e tatuatore) torinese Giovanni Matola che ha già curato le copertine degli ultimi album dei Rimozione: “All You Can Eat” (2013) e “Come un’onda” (2018).

 

Author

Write A Comment