Roger Waters, co-fondatore dei PINK FLOYD, è da tempo oggetto di critiche e accuse di antisemitismo. Questa settimana è apparso in rete un nuovo documentario, distribuito dal gruppo  Campaign Against Antisemitism intitolato “The Dark Side Of Roger Waters” , che include interviste con gli ex compagni di band e membri dello staff di Waters e rivela un’e-mail antisemita del musicista.

Tra gli ex collaboratori di Roger intervistati per il documentario ci sono Norbert Stachel, ex sassofonista di Roger e Bob Ezrin, il co-produttore di “The Wall“. Entrambi sono ebrei e affermano che Waters si riferiva agli ebrei in modo dispregiativo o sminuente.

Waters ha negato tutte le accuse di antisemitismo pubblicando una lunga dichiarazione sul suo sito ufficiale:

“All’inizio di questo mese Campaign Against Antisemitism mi ha contattato riguardo ad un documentario che hanno realizzato. Mi hanno dato sette giorni per rispondere a molteplici domande su questioni risalenti al 2002 e al 2010. Inizialmente pensavo che i loro attacchi al mio personaggio non meritassero una risposta, ma ora che gli attacchi sono in circolazione, voglio mettere agli atti la mia risposta.

“Per tutta la vita ho utilizzato la piattaforma che la mia carriera mi ha dato per sostenere le cause in cui credo. Credo appassionatamente nei diritti umani universali. Ho sempre lavorato per rendere il mondo un posto migliore, più giusto ed equo per tutti i miei fratelli e sorelle, in tutto il mondo, indipendentemente dalla loro etnia, religione o nazionalità, dalle popolazioni indigene minacciate dall’industria petrolifera statunitense alle donne iraniane che protestano per i loro diritti.

“Ecco perché sono attivo nel movimento di protesta non violento contro l’occupazione illegale della Palestina da parte del governo israeliano e il suo trattamento vergognoso nei confronti dei palestinesi.

“Coloro che desiderano confondere questa posizione con l’antisemitismo rendono un pessimo servizio a tutti noi.

“La gente deve conoscere la CAA, l’organizzazione che ha realizzato questo film. In seguito alle denunce presentate alla Commissione di beneficenza, la CAA è sotto esame. Il suo scopo principale è condurre campagne politiche di parte contro i critici dello stato di Israele. Quindi sapevo che le loro domande erano non chiesto in buona fede.

“La verità è che sono spesso chiacchierone e incline all’irriverenza, non riesco a ricordare cosa ho detto 13 o più anni fa. Ho lavorato a stretto contatto per molti anni con molti ebrei, musicisti e altri. Se ho turbato la situazione due persone che compaiono nel documentario, mi dispiace, ma posso dire con certezza che non sono e non sono mai stato un antisemita, come potrà testimoniare chiunque mi conosca veramente. Un gruppo diversificato, interessante e complicato, proprio come il resto dell’umanità, molti dei quali sono alleati nella lotta per l’uguaglianza e la giustizia, in Israele, Palestina e in tutto il mondo.

“Il documentario  distorce e travisa totalmente le mie opinioni sullo stato israeliano e sulla sua ideologia politica, il sionismo. Si basa su una definizione di antisemitismo che vede la critica a Israele come intrinsecamente antisemita e presuppone che il sionismo sia un elemento essenziale nell’identità ebraica. Queste opinioni, chiaramente condivise dal conduttore e dai due intervistati, sono ampiamente contestate da molti, tra cui molti ebrei.

“Il documentario della CAA manipola filmati e citazioni per servire i suoi scopi ed è seriamente fuorviante sotto molti aspetti. Cosa dice del mio ultimo tour, ‘This Is Not A Drill’, ripete una serie di falsità che sono già state smentite più volte, non solo da me, ma anche nei tribunali tedeschi, dopo che lì si è tentato di vietare il mio spettacolo. Le parole offensive a cui ho fatto riferimento tra virgolette in un’e-mail di 13 anni fa, erano le mie idee di brainstorming su come rendere i mali e gli orrori del fascismo e dell’estremismo evidenti e scioccanti per una generazione che potrebbe non apprezzare appieno la minaccia sempre presente. Non sono la manifestazione di un fanatismo di fondo come suggerisce il film. Piuttosto il contrario. Ho cercato di denunciare i mali del fascismo sin da quando ho saputo della morte di mio padre combattendo i fascisti nella seconda guerra mondiale.

“In sintesi, il film è un fragile e impenitente pezzo di propaganda che mescola indiscriminatamente cose che presumibilmente ho detto o fatto in momenti diversi e in contesti diversi, nel tentativo di ritrarmi come un antisemita, senza alcun fondamento di fatto. .”

Roger Waters ha annunciato la pubblicazione di ‘The Dark Side Of The Moon Redux’, una reinterpretazione epicamente ambiziosa di uno degli album più famosi ed acclamati della storia, a cinquant’anni dalla registrazione originale con i Pink Floyd.

Author

Comments are closed.