Scorpions – Return to Forever

Sony Music – Febbraio 2015

Non è da tutti arrivare a celebrare 50 anni di carriera (anno più – anno meno… questi sono calcoli fatti da Mr. Rudolf Schenker quindi prendiamoli per buoni) nel variopinto e variegato mondo del Rock! Ma gli Scorpions ce l’hanno fatta! ‘Return To Forever’ è il loro nuovo album celebrativo tirato fuori dal magico cassetto dei ricordi, dove alternano nuove composizioni a brani vecchi che (a detta loro) erano rimasti chiuso dentro quel cassetto polveroso troppo a lungo, ripresi   e riarrangiati per questa occasione importante!

Nessuno si aspetta chissà che cosa da questo disco, anche perchè era arduo rivaleggiare con l’ottimo ‘Sting In The Tails’ uscito la bellezza di 5 anni fa. Diciamo che questo ‘Return To Forever’ si attesta comodamente sugli stessi livelli qualitativi del suo predecessore, riuscendo perfettamente nel suo scopo, far sorridere la gente con musica davvero positiva.

Si procede a corrente alternata e l’album sembra racchiudere tutte le molteplici soluzioni musicali della band, tra brani trascinanti (‘The Scratch’ farebbe muovere il culo anche a un paralitico) a ballad strappalacrime (‘Gypsy Life’ è clamorosamente ispirata), a veri anthem molto – Queen Style – che su disco non dicono granché, ma dal vivo la musica cambia! Ebbene, gli Scorpions sono riusciti ad accontentare tutti! Si parte con lo scanzonato e potenziale hit radiofonico ‘Goin’ Out With A Bang’ passando dalla stupenda e ottantiana ‘We Built This House’, per poi lasciarci trascinare dall’entusiasmo adolescenziale di ‘Rock My Car’, brano di per se semplicissimo, ma come sempre, marchiato dall’alta qualità e dal tocco malizioso e ruffiano dello scorpione tedesco! ‘House Of Cards’ è la prima canzone ‘seria’ del lotto, con tanto di testo introspettivo, malinconico e impegnato! Classe pura! Differenti vibrazioni si avvertono con ‘Rock’n’Roll Band’ (già presente sul bellissimo ‘MTV Unplagged in Athens’ del 2013) brano scatenato e dannatamente coinvolgente. Ritornano echi commerciali con ‘Catch Your Luck And Play’, brano, questo, che sembra appartenere al periodo più ‘americano’ della band con vari reminder a ‘Savage Amusement’ del 1988!

‘Return To Forever’ contiene ben 16 canzoni nella versione deluxe e son convinto che riuscirà ad accontentare un po’ tutti gli estimatori della band, dato che gli ingredienti son sempre i medesimi di 25/30 anni fa.  Rimanendo ben saldi sulla loro posizione e non dovendo più dimostrare niente a nessuno, gli Scorpions, prendono congedo dal suo pubblico con quest’ennesima ragguardevole prova sulla lunga distanza. Questa volta sono davvero pronti per il definitivo addio (credo che questo, salvo smentite, sarà il loro ultimo disco), ma con un tour mondiale da portare a termine e che li terrà impegnati per circa due anni consecutivi! Comunque, per un artista che ha dedicato più della metà della sua vita alla musica (tra studi di registrazione, promozioni e tournèe interminabili ed altro), è praticamente impossibile staccare di colpo la spina dalla sua vita neppure quando la carta d’identità parla ineluttabilmente a suo sfavore! Grazie Scorpions per tutti questi anni di musica splendida e dannatamente concreta!

Leggendari…

Da segnalare la presenza nelle bonus della splendida ‘Dancing With The Moonlight’, anch’essa già proposta in versione acustica MTV Unplagged in Athens nel 2013

www.the-scorpions.com

Tracklist:
1. Going Out with a Bang
2. We Built This House
3. Rock My Car
4. House of Cards
5. All for One
6. Rock’n’Roll Band
7. Catch Your Luck and Play
8. Rollin’ Home
9. Hard Rockin’ the Place
10. Eye of the Storm
11. The Scratch
12. Gypsy Life

Tracce bouns dell’edizione limitata
13. The World We Used to Know
14. Dancing with the Moonlight
15. When the Truth Is a Lie
15. Who We Are

Band:
Klaus Meine – voce
Matthias Jabs – chitarra solista, cori
Rudolf Schenker – chitarra ritmica, cori
Paweł Mąciwoda – basso, cori
James Kottak – batteria, cori

Scorpions - Band 2015

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*