Slipknot – Il Bassista Paul Gray moriva il 24 maggio del 2010

Il 24 maggio del 2010 moriva improvvisamente Paul Gray, in arte #2 o The Pig, bassista degli Slipknot di cui era stato anche cofondatore nel 1992.

Paul Dedrick Gray era nato l’8 aprile del 1972 a Los Angeles. Successivamente trasferitosi in Iowa, a Des Moines, dove ha sempre vissuto. Nel 1992 inizia l’avventura con gli Slipknot assieme a assieme a Joey Jordison, Anders Colsefini e Shawn Crahan. Una band che ha fatto la storia per i suoi eccessi musicali e scenografici.

La morte

Il 24 maggio del 2010 è stato trovato morto dalla Polizia alle 10:50 in una camera dell’albergo TownePlace Suites a Urbandale nello stato americano dell’Iowa.

Paul era arrivato in albergo il sabato precedente e avrebbe dovuto lasciare la stanza proprio lunedì 24. La mattina del lunedì un parente di Paul ha chiamato la reception dell’albergo perchè nessuno era riuscito a mettersi in contatto con lui al cellulare nei giorni precedenti, così un dipendente dell’albergo ha trovato il corpo senza vita di Paul nella camera e ha avvertito la polizia. Tra gli effetti personali prelevati dalla polizia c’era il suo basso.

L’autopsia eseguita il pomeriggio stesso del ritrovamento non ha dato nessun indizio riguardo le cause del decesso se non escludere la morte violenta o qualsiasi tipo di trauma. Gli esiti degli esami tossicologici sono arrivati dopo qualche settimana. A giugno 2010 il Des Moines Register ha rivelato che la morte di Paul è stata causata da un’overdose di morfina e fentanyl, entrambi potenti oppiacei usati nel trattamento del dolore acuto e cronico e dagli effetti psicofisici simili a quelli dell’eroina. Secondo il medico che ha eseguito la perizia, il Dr. Gregory Schmunk, Paul soffriva di problemi cardiaci e sarebbe stata un’iniezione delle sostanze a causarne la morte.

(fonte: Slipknot Italia)

Gli Slipknot saranno in Italia il 27.06.2019 al Bologna Sonic Park c/o Arena Parco Nord

Inizio concerti ore 13.30
Apertura cancelli ore 11.30

Biglietti QUI

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*