Il cantante dei SOILWORK Björn “Speed” Strid ha commentato la controversa gestione del coronavirus in Svezia. A differenza della maggior parte dei paesi, compresa la vicina Norvegia o Danimarca, la Svezia ha lasciato scuole, bar, caffè e ristoranti aperti al pubblico. Il distanziamento sociale rimane, per la maggior parte, volontario, e sono vietate solo le riunioni di oltre 50 persone.

Le autorità svedesi hanno sostenuto che un blocco obbligatorio non è sostenibile. Finora la Svezia ha riportato oltre 13.200 casi positivi di COVID-19, la malattia causata dal virus e 1.400 decessi.

Il 41enne Strid, nato a Helsingborg ma ha vissuto a Stoccolma negli ultimi tre anni, ha commentato la non risposta della Svezia al coronavirus durante una nuova intervista con “The MetalSucks Quarantinecast” .

Parlando di come lui e i suoi connazionali stanno affrontando la pandemia, Strid ha detto:

Le cose sono un po’ confuse, penso. Siamo uno dei pochi paesi che sono ancora, in un certo senso, non in blocco. Quindi abbiamo un sacco di critiche [ ride ] da molti paesi in questo momento. Posso capire perché, ma penso che ci sia un piano. Penso che le persone siano molto confuse…

“Siamo stati in quarantena per circa tre settimane”, ha continuato. “La mia ragazza è italiana – viene dal nord Italia. I suoi genitori sono bloccati e vanno su Skype ogni giorno e parlano. La situazione in Italia è ancora più spaventosa – sono in un blocco completo.

So che la situazione in America è davvero brutta in questo momento, e soprattutto a New York”, ha aggiunto. “Non sei sicuro di come gestirlo. Rimarrò in quarantena per tutta l’eternità? Alla fine non è poi così male. Come si suol dire, nella seconda guerra mondiale, i tuoi parenti sono stati chiamati in guerra. Tutto quello che dovete fare è sederti sul divano e guardare Netflix . Ed è vero. E non è poi così male. Sono molto grato. Ho un giardino. Posso spostarmi. Ma poi abbiamo persone bloccate negli appartamenti senza balcone e bambini e tutto il resto. Quindi, è difficile “.

Alla domanda se agli svedesi viene ancora consigliato di rimanere a casa come parte della strategia del paese di fare affidamento sul senso di responsabilità delle persone invece di introdurre nuove leggi, Strid ha dichiarato:

“A tutti viene chiesto di rimanere a casa e di non viaggiare inutilmente – cose del genere. Ma sono andato nel centro di Stoccolma questo fine settimana, e tutti i giardini erano aperti, ed era pieno zeppo. E io ho pensato “Siete pazzi?” Non ci potevo credere. È incredibile. Non capisco… È brutto. Quindi mi ha fatto sentire triste vedere questo e mi ha fatto arrabbiare. “

 

redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi