The Cult – Live @ Alcatraz: I caldi venti del Culto… Milano 26 Giugno 2017

Discretamente convincente –per quanto non scevra dallo suscitare una qualche perplessità- esibizione dei britannici The Cult all’Alcatraz, presentati dalla milanese Vertigo.

from the web

 

Spesso tacciati – a dire il vero, non senza un barlume di ragione-  di essere una band ‘furba’, ‘trendista’, o anche ‘opportunista’, The Cult hanno per anni in realtà garantito un solido e coriaceo hard rock occasionalmente ‘speziato’ a dovere da influenze gothic, new wave, a tratti impregnato da un certo affascinante misticismo.

Non li si vedeva in azione in Italia dall’estate del 2012, allorquando si resero protagonisti di ben tre date nel nostro Paese.

Li ritroviamo questa sera, nel consueto miasma di traffico e giungla di calura estiva e cemento, nella sempre efficacissima cornice dell’Alcatraz di Milano, divenuta ormai de facto (specie dopo la triste defezione del leggendario Rolling Stone, nonché di altri locali) la venue più importante a livello indoor nel capoluogo lombardo.

Efficacia che è peraltro incrementata in maniera esponenziale dalla troupe di tecnici (ben 15!) che la band porta con sé in tour, tra i quali figura uno dei migliori fonici di New York, nonché di tutta la East Coast statunitense.

Il concerto, cominciato con circa una ventina di minuti di ritardo, si apre con i Cult più rock’n’roll e ruffiani, ovvero quelli del (a lungo discusso) classico “Electric”: è “Wild Flower” a fare ancheggiare, battere piedi, e ballare il sempre competente pubblico meneghino, e quando –a sorpresa- i nostri ‘sparano’ come secondo pezzo in setlist, quello che è in assoluto il brano più conosciuto ed uno dei più amati del loro repertorio, quella “Rain” che li portò rapidamente quanto meritatamente al successo internazionale, il concerto raggiunge già un primo climax.

Il suono è incredibilmente pulito e potente, tanto da poter trarne tranquillamente un bootleg. Certo, non si può dare torto all’amica e collega Barbara Caserta che accusa il chitarrista Billy Duffy di far uso di volumi “che si sentono da via Valtellina fino a San Siro”, ma intanto l’esibizione fila (apparentemente, ma tanto da lasciar entusiasti tutti, o quasi, i presenti) liscia, e il tasso d’adrenalina cresce…

Più che apparire fuori forma a livello vocale o affaticato, il frontman Ian Astbury sembra più intento a ‘gigioneggiare’ e a cantare ‘giusto per fare un favore’… la voce c’è ancora (per fortuna!) e si sente, ma non ‘spinge’ più di quel tanto, con il carismatico cantante albionico intento a perdersi in ‘siparietti’ divertenti fino a lì, anziché scaldarla ulteriormente e regalare una performance di qualità assoluta, tra un ‘ciauuu!’ quasi letteralmente ululato in un altamente improbabile mix tra un coyote e un abitante delle valli bresciane, e un ‘su le mani!’, si accontenta di ‘veleggiare’ da inizio setlist a metà di essa, e di lì verso la conclusione del concerto. Senza particolare infamia, in verità, ma neanche senza particolare lode.

La totale esclusione di brani tratti dal sottovalutato “Ceremony” del 1991 non è certo un punto a favore della band, ma quantomeno i fans di vecchia data possono consolarsi con “Spiritwalker” (dal primo, storico album “Dreamtime” del 1984), “Nirvana”, e soprattutto, l’immancabile “She Sells Sanctuary”, con un sentito omaggio al recentemente scomparso Chris Cornell, ricordato tramite una ‘citazione’ nel contesto della succitata “She Sells…” di “Black Hole Sun” dei suoi Soundgarden.

Ignorati anche l’ottimo “Beyond Good And Evil” del 2001 (una sorpresa di quell’anno), “Born Into This” (2007), The Cult ci regalano quantomeno la bella “Honey From A Knife”, traccia d’apertura dal penultimo “Choice Of Weapon”, e ben tre estratti dall’ultimo “Hidden City” dell’anno scorso, “G.O.A.T.”, “Deeply Ordered Chaos” e l’apripista dell’album, “Dark Energy”.

Nel bis conclusivo, ricompaiono i Cult più ‘no frills’, ‘senza fronzoli’, di “Electric”, con due estratti dall’album tutte da ballare e cantare a squarcia gola, “King Contrary Man” e “Love Removal Machine”.

In definitiva, concessioni alle celebrazioni di anniversari (questo è il trentesimo della pubblicazione dell’album “Electric”, uscito nell’aprile 1987) a parte, un buon concerto, che certo lascia un po’ di amaro in bocca per una scaletta forse inferiore a quanto fosse lecito attendersi, ma che ribadisce lo status di The Cult come band sempre ‘furba’ e professionale quanto basta nonchè potente dal vivo, capace di far ballare, coinvolgere, ammaliare. A tratti anche entusiasmare.

Teniamoceli stretti perché, nonostante tutto, le nuove leve non hanno certo né questo ‘tiro’ né tantomeno autorità e brillantezza sul palco. E quando sarà calato l’ultimo sipario sui veterani della scena, sarà dura… molto dura!

 

Setlist:
Wild Flower – Rain – Dark Energy – Spiritwalker – Peace Dog – Honey From a Knife – Sweet Soul Sister – Nirvana – Deeply Ordered Chaos – The Phoenix – Lil’ Devil – GOAT – She Sells Sanctuary – Fire Woman – ENCORE: King Contrary Man – Love Removal Machine

 

Articoli Correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*