Vandor – In The Land Of Vandor

 

Autoproduzione – Gennaio 2019

Vandor, una nuova band proveniente dalla Svezia si affaccia nel mondo della musica. Il gruppo fondato dai fratelli Alve & Vide Bjerde nel 2015 propone un power metal classico, un genere che il suo meglio lo ha già dato anni addietro ma che personalmente continuo a seguire sempre con piacere.
La band sceglie la via dell’autoproduzione con discreti risultati per quanto riguarda il suono e la resa finale. Come ci tengono a precisare questi ragazzi, il disco è stato registrato come la musica dovrebbe realmente essere registrata. Nessun autotune, nessuna finzione, batteria vera e tanta energia power metal. Insomma tanto entusiasmo e buoni propositi, ma non sempre la musica dei Vandor riesce a convincere.
I riferimenti ai gruppi che hanno fatto la storia di questo genere sono piuttosto evidenti per cui dal punto di vista dell’originalità e della personalità c’è ancora molto da lavorare. I ragazzi con gli strumenti ci sanno fare, non mi ha convinto appieno la voce di Vide Bjerde, non so ma quando ascolto power mi aspetto qualche acuto, qualche modulazione e variazione, invece qui l’interpretazione risulta più o meno uguale in quasi tutti i brani. Vide ha una bella voce che sono sicuro saprà usare meglio col passare del tempo, acquisendo maggiore esperienza.
Undici tracce, di cui due strumentali, un brano che supera i tredici minuti anche se quando si scrivono canzoni così lunghe bisogna saperle fare bene (‘Keeper Of The Seven Keys’ o ‘Halloween’ rimangono inarrivabili a tal proposito).

Wrath Of The Night’, ‘Beneath The Sky’, ‘Possessive Eyes’ e la title track sono i brani migliori in particolar modo per le melodie un gradino sopra le altre composizioni.
In chiusura la versione acustica di ‘Possessive Eyes’ che tirando le somme risulta essere il brano migliore del disco e che anche in acustico rende bene.

In the Land Of Vandor’ nonostante i difetti e le incertezze del songwriting non è un disco da bocciare ma un debutto ancora un po’ acerbo di una band che mostra sicuramente delle potenzialità, qui, ancora in parte inespresse. Attendiamo fiduciosi la seconda prova in studio.

www.facebook.com/vandorband

Tracklist:

1.Dark Times
2.Wrath Of The Night
3.Beneath The Sky
4.Warriors Of Time
5.Possessive Eyes
6.Uncover The Earth
7.Serving Their Needs
8.With Bleeding Hands I Stand
9.The Land Of Vandor
10.In The Shadows
11.Possessive Eyes (Acoustic Version)

Band:

Vide Bjerde – voce, chitarra
Alve Bjerde – basso, cori
Jack L. Stroem – chitarra, cori
Uno Rosengren – tastiere, cori
Robin Risander – batteria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*