SPV / Steamhammer – Ottobre 2010

Sono passati 4 anni da “Visions of Eden”, ultimo studio album dei Virgin Steele, un disco controverso ma sempre di qualità, così come tutti gli album partoriti dalla band americana negli ultimi 15 anni. Nel variegato panorama musicale, la band americana ha sempre rappresentato il lato più colto dell’heavy metal, proponendo svariati concept incentrati su vicende mitologiche.

Non è facile parlare di “The Black Light Bacchanalia”, in quanto com tutte le produzioni targate Virgin Steele, necessita di ripetuti e attenti ascolti vista la complessità delle canzoni e degli arrangiamenti. “By the Hammer of Zeus”, ci trasporta subito nel mondo della mitologia, un ottimo brano, con un evocativo David DeFeis che modula il suo cantato, donando molteplici sfacettature al pezzo. “Pagan Heart” e “The Bread of WickednessW risultano meno d’impatto e mostrano il lato più epico dei Virgin Steele, grazie anche a qualche orchestrazione. Un attimo di tregua, con “Nepente” e  “I Live Tomorrow”, ben suonate ed interpretate con sentimento. Un po’ stancamente si arriva alla title track, che però risulta essere un po’ noiosa e anonima. Purtroppo i Virgin Steele, mi sembra abbiano perso quel gusto per le melodie vincenti e abbiano puntato troppo nel creare brani sicuramente complessi, ma che non riescono a catturare l’attenzione dell’ascoltatore. Sicuramente vanno rispettati per le scelte coraggiose fatte fino ad oggi, ma mi viene un pizzico di nostalgia riascoltando i due “Marriage” o “Noble Savane”, apici compositivi del gruppo.

Reputo “The Black Light Bacchanalia” un mezzo passo falso, che inizialmente mi aveva illuso di aver ritrovato lo spirito dei “vecchi” Virgin Steele, ma che canzone dopo canzone si è rivelato un album troppo pesante da digerire…

www.virgin-steele.com

Tracklist:

1. By The Hammer Of Zeus (And The Wrecking Ball Of Thor)
2. Pagan Heart
3. The Bread Of Wickedness
4. In A Dream Of Fire
5. The Orpheus Taboo
6. Nepenthe
7. Necropolis (He Answers Them With Death)
8. To Crown Them With Halos Parts 1 & 2
9. The Torture’s Of The Damned
10. The Black Light Bacchanalia (The Age That Is To Come)
11. Eternal Regret

Band:
David Defeis – voce, tastiere
Edward Pursino – chitarra
Joshua Block – basso
Frank Gilchriest – batteria

 

Redazione
Author

Write A Comment

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi