Vomitory – Catastrophical Expectations

Inizio con il ringraziare la redazione di www.longliverocknroll.it che mi concede l’onore di pubblicare le recensioni “retroattive” di vinili come questo “Catastrophical Expectations” di cui pochi, immagino, sino ad oggi, conoscevano l’esistenza. Riascoltare questi reperti estratti dal mio (quasi) infinito scaffalone mi fa piacere e mi diverte come quando ero ragazzino.

E’ passata infatti un’eternità di tempo da quando l’ho appoggiato sul piatto l’ultima volta e, riascoltarlo oggi mi ha emozionato non poco. Questi Vomitory, eruttati dalla mia adorata ed iperproduttiva fucina metallica tedesca degli anni ’80, provengono da Meppen, a pochi chilometri dal confine nord/est dell’Olanda. Sono un trio dedito ad uno speed’n’thrash, desueto nell’anno in cui hanno dato, privatamente, alle stampe questo Ep, ma, ascoltato oggi, molto piacevole ed ‘easy’, grezzo ma non propriamente minimale. La registrazione è buona e le quattro canzoni abbastanza coinvolgenti. Ottimo l’apporto di ‘Blo’ alla chitarra che già da “Dr. Speed”, brano di apertura, si fa sentire con i suoi assoli mirati e tecnicamente apprezzabili. Suoi compagni d’arme in questa avventura sono il bassista/cantante ‘Lefty’ dalla timbrica abbastanza personale, a tratti è accostabile a quella di Kerrmit dei connazionali Tyrant, ed il drummer Planky, onesto batterista, non un innovatore ma comunque discretamente abile e personale.

Le canzoni sono massicce, sia “Vicious Circle” che “Black messiah” sono pezzi trascinanti, con una velocità mai eccessiva o fuori controllo, pezzi composti con intelligenza, ottimo esempio di metallone underground. Qua e là sono impossibili da non notare sprazzi dei primi Metallica come il riff che inizia la prima citata “Vicious Circle”. Le chitarre che si sentono in molte parti di questo platter sono due, frutto di sovraincisioni in quanto, come si evince dalla foto che li ritrae versione live sull’allegato flyer, sui palchi erano solo un trio. Questo Ep è un prodotto tutto sommato maturo con, forse, un unica ingenuità presente nel brano “Satanic Madness” in cui il singer per ottenere un effetto vocale a sorpresa, immagino, abbia messo il muso in un grosso imbuto con un risultato tipo Fantozzi, con la sapiente collaborazione del Rag. Filini, quando fa l’accento svedese. Detto questo c’è poco da aggiungere, un disco che trasuda sudore, sano e glorioso heavy metal, compatto come una colonna di cemento armato. Lo considero un gioiellino da riscoprire senza badare troppo al monicker veramente idiota (successivamente i gruppi Death/Black e compagnia li avrebbero di gran lunga surclassati).

Nota collezionistica: non mi risulta sia mai stato ristampato in cd e, ahimè, l’original vinile è veramente difficile da scovare… Buona fortuna!!!

Quotazione: Vomitory – Catastrophical Expectations: 80/120 Euro

www.myspace.com/vomitoryger

Tracklist:

1. Dr. Speed
2. Satanic Madness
3. Vicious Circle
4. Black Messiah

Lefty – voce, basso
Blo – chitarra
Planky – batteria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*